martedì 24 marzo 2009

Fiorenzuola, 6 Maggio 1990


Il sole è già alto e in cielo non c’è nemmeno una nuvola. Sole le 10.00 del mattino e gira di già per la città la vecchia auto che annuncia con gli altoparlanti a tutto volume la grande festa. Tutto il viale alberato che porta allo stadio è colorato di rosso e nero. Sopra il sottopasso della linea ferroviaria è stato appeso un grande striscione rossonero con scritta a caratteri cubitali: “GRAZIE RAGAZZI”. Lo striscione saluterà nel pomeriggio i protagonisti: società, calciatori e pubblico intenti a recarsi con trepidazione allo stadio. Tutti protagonisti di quella magica annata. Avevo 10 anni. Quante volte ho percorso quel viale ma l’emozione che ho provato quel giorno non l’ho più provata.
Entro al Comunale e lo trovo imbandito a festa. Su ciascun paletto della recinzione del campo di gioco è stata affissa una bandierina rossonera. C’è uno striscione: “Quando un fantastico sogno diventa realtà”, un altro: “Grazie Marco, resta con noi”. C’è anche la banda di Cortemaggiore e uno sconosciuto trombettista fra la folla (il Baldo???). Continua ad arrivare gente, tante le famiglie. La vecchia tribuna coperta da 1000 posti è gremita. La ridotta gradinata, pur essendo transennata perché inagibile, strabocca di sostenitori fiorenzuolani. C’è gente che è costretta a starsene per forza in piedi contro alla recinzione. I posti in Tribuna, riservati alle autorità con il sindaco Pighi in testa, traboccano. Il pubblico più caldo ha scelto la vecchia gradinata composta da tre gradoni di cemento armato traballanti come postazione di riferimento per il tifo sfrenato e la coreografia. Entrano le squadre in campo con un leggero ritardo al cospetto di oltre 2500 spettatori. Un pubblico mai visto. Sono le 16 appena passate, i densi fumi dei fumogeni invadono tutto. Non si respira. Gli spettatori della gradinata alzano al cielo tanti cartoncini rossi consegnati all’ingresso. Sventolano tantissime bandiere rossonere e dal punto centrale della gradinata spuntano due sagome giganti di polistirolo bianco che compongono la sigla “C2”. C2 ragazzi!!! C2!!! E il sogno di un’intera città si avvera in una torrida domenica di giugno. Al gol di testa su ribattuta del portiere ospite di Walter Vercesi ha risposto nella ripresa uno sconosciuto calciatore in maglia a strisce biancorosse. La compagine ligure della Carcarese che si gioca la salvezza ora ci crede. Il Fiore è paralizzato dalla paura e si chiude a riccio nella propria metà campo. Sale la tensione, piovono alcuni fischi con i minuti che non passano mai. Arriva il tanto atteso triplice fischio finale. Scoppia un boato. Un calciatore rossonero, non ricordo chi, prende con frenesia la palla e la calcia alle stelle. Finisce 1-1. Il punto basata per confermare il primato e lasciarsi alle spalle le scorbutiche rivali: la Valenzana e la Vogherese. Il Fiorenzuola è in C2! Ragazzi, lo scudetto è cucito sulle maglie rossonere! Scoppia la festa in campo e sugli spalti. Agli ultras è impedita l’invasione ma tutta la squadra e la dirigenza vanno sotto il settore a festeggiare. Inizia lo spogliarello dei begnamini e la caccia alle ambite maglie. Intanto i calciatori avversari lasciano il campo in lacrime, sono retrocessi in Promozione. Marco Torresani viene lanciato più volte al cielo, poi il gruppo si sposta sotto la tribuna dove la gente è rimasta ad osservare lo spettacolo. Non è rimasto più niente. Pedrazzini e altri ridotti in mutande lanciano allora mazzi di fiori al pubblico. Scrosciano ancora cori e applausi. Si alza un “Chi non salta un vogherese è! è!” e sempre i calciatori si rimettono a giocare in una partitella in famiglia improvvisata. Poi la festa si sposta negli spogliatoi con gavettoni e bottiglie di spumante. Il Fiorenzuola è per la prima volta nella sua storia in serie C2.
papua

LA ROSA DEI 18 PROTAGONISTI:
PORTIERI: Meani Massimo, Burgazzi Massimo
DIFENSORI: Pecorario Agostino, Albertazzi Andrea, Crippa Rocco, Pozzi Claudio, Ravasi Giuseppe, Cisco Dario
CENTROCAMPISTI: Spagnuolo Fabrizio, Loda Tiberio, Pedrazzini Massimo (capitano), Santini Roberto, Querin Fabio, Quaresmini Armando, Tacchini Corrado
ATTACCANTI: Pompini Stefano, Peselli Massimo, Vercesi Walter

PRESIDENTE: Antonio Villa
VICE PRESIDENTE: Bricchi
SEGRETARIO: Gardella
DIRETTORE SPORTIVO: Riccardo Francani
DIRETTORE GENERALE: Adriano Rebuffi
ALLENATORE: Marco Torresani
PREPARATORE ATLETICO: Gianni Vercesi
MEDICO: Tamarri
MAGAZZINIERE: Narcisi
SPONSOR: Finlocat
SPONSOR TECNICO: Aemme