lunedì 30 novembre 2009

Sestese-FIORENZUOLA 2-0

Ahi, ahi, ahi ...stop pericoloso del FIORE di mister Massimo Perazzi nello scontro diretto di Sesto Calende ...con battuta d'arresto che vale doppio.

Davanti a poco più di un centinaio di spettatori (1/3 dei quali giunti da Fiorenzuola, Decina presente in 12 unità) e su di un campo molto pesante causa l'incessante pioggia, il Fiore ne prende due da una squadra dal livello davvero imbarazzante (a parte bomber Miguel Angel Magnoni, classe 1981). Troppe occasioni da gol fallite...e loro con 2 tiri in porta + un rigore si sono portati a casa quei 3 punti che in casa non avevano ancora fatto....
Nel primo tempo dimostriamo di essere una squadra una spanna sopra di loro e sciupiamo troppo là davanti. 4-5 occasioni di cui tre clamorose (Armani, Ramundo e Dattaro) così nel finale ci pensa il bomber sestese con un tiro non irresistibile ma angolatissimo ad infilare Anelli per l'uno a zero. Nel secondo tempo abbiamo subito un'occasionissima con capitan Orru solo davanti al portiere che tira di poco a lato. Poi col passare dei minuti non si riesce più a giocare a calcio col campo quasi impraticabile per la pioggia con pozzanghere in mezzo al campo, zona dove non si riesce proprio a giocare. Non riusciamo più a creare niente anche se la buona volontà non manca... Nel finale un errore costringe Ramundo a stendere in area il forte numero 11 locale che dal dischetto non perdona. Due a zero e partita chiusa.
Il pubblico di casa che ha assistito alla partita in un silenzio che sembrava di essere al cimitero, inizia a sfollare prima del fischio finale come se fosse la loro squadra a perdere...mah.....
I risulatati dagli altri campi lasciano la classifica quasi immutata, quindi non facciamo drammi e pensiamo a domenica prossima quando verrà a farci visita il Caravaggio per un altro scontro diretto importantissimo che non possiamo fallire. Domenica in casa ci vogliono i tre punti!!!
Jameson

LA CLASSIFICA: Tritium 29 Olginatese 22 Alzano Cene 22 Cantù 21 Darfo Boario 21 Colognese 21 Renate 20 Voghera 19 Insubria C. 19 Pizzighettone 18 Pontisola 15 Fiorenzuola 15 Solbiatese 14 Sestese VA 13 Caravaggio 11 Caratese 10 Borgosesia 10 Oltrepo 9

IL PUNTO. Il Tritium del nostro ex Stefano Vecchi, sta prendendo il largo +7 dalle inseguitrici Olginatese e Alzano Cene. Bene l'Insubia che ripresa un pochettino. In fondo alla classifica boccata l'ossigeno per la Sestese che espugna Voghera; bene la Sestese che ottiene la sua prima vittoria interna ai danni del Fiorenzuola (doppietta di Magnoni che sale a 10 sigilli stagionali). E maledetto Pizzighettone scenso in grande spolvero in Valdarda mentre ora continua a regalare punti alle pericolanti.

venerdì 27 novembre 2009

TRASFERTA A SESTO CALENDE!

Dopo la bella vittoria di Solbiate Arno (in gol il giovane Michele Losi ed Andrea Armani) il Fiore ci riprova a Sesto Calende (VA) contro la Sestese per un'altro scontro salvezza di fondamentale importanza! La DecinaUltras non cede di un metro! Domenica tutti a Sasto Calende (VA) ...per la prima volta! a tifare FIORENZUOLA!!!
..TUTTI!!! RITROVO DOMENICA IN PIAZZALE CAPPUCCINI ...ORE 12

mercoledì 25 novembre 2009

Sobiatese-FIORENZUOLA 1-2 (Losi, Armani) ..Remake 1992!

VITTORIA "MERITATA"

Trasferta dal significato particolare per me…20 settembre 1992, Solbiate, la mia prima trasferta in pullman col tifo organizzato…sono in pochi a celebrare con me la ricorrenza…e a quei pochi magari gliene fraga fino a là…fa lo stesso…io la “sento”, la sento molto…. Non c’è nemmeno il caste, fermato dalla febbre…sono l’unico reduce presente di quel lontano ma vicino 20 settembre 1992….fa lo stesso….la “Decina”, la “Manga Ad Cujon” c’è….ogni domenica cambia leggermente nella sua composizione, ma è sempre una gran bella “Manga Ad cujon”, la miglior compagnia possibile per seguire il Fiore come lo voglio seguire io!

Ore 12, ritrovo al Cappuccini…divoriamo le due pizze prese prima della partenza e saliamo sul pulmino…..Anthony impreca perché non ha messo il dopobarba e vuole tornare a casa….gli offro un po’ di Tullamore Dew, lo applica sul viso….possiamo partire…

In viaggio si beve Forst, Tullamore Dew 12 anni, Jameson Signature Reserve (che spettacolo), si sparano cazzate, si beve, si canta Vamos Fiorenzuola vamos Campeon (grazie Palentinos!), si beve…In poco più di un’ora e mezzo siamo a Solbiate, accrediti (grazie Pinallone!!!), si entra…che emozione….la tribuna e penso anche la gradinata non sono più quelle del 92, ma che emozione lo stesso….sono un pò bsonto e un po’ commosso…c’ho gli occhi lucidi complice l’emozione ma forse è più colpa dell’alcol.

La partita….pronti via…non passa un minuto, o almeno quella è l’impressione, e siamo già sotto: svarione incredibile al centro della difesa….palla consegnata al loro attaccante che ringrazia e deposita in rete….Penso: non c’è Ramundo (squalificato) e sono dolori….invece è l’unica cazzata che combiniamo dietro…è l’unica volta che la Solbiatese si presenta dalle parti di Anelli….ma è sufficiente per farci cominciare in salita….Spike Lee il regista non ne fa una giusta…passaggi sbagliati, contrasti molli, palle perse, di testa non ne prende una…. Fiore, che primo tempo scialbo…si mette davvero male oggi….La decina non molla: Forza Vecchio Cuore Rossonero, In ogni stadio…, Il Fiore è…, Vamos Fiorenzuola, Quando gioca il Fiorenzuola…insomma ce la mettiamo tutta….nel secondo tempo giochiamo solo noi….serve un po’ di fortuna….Losi (entrato al posto dell’infortunato Zane) pareggia….che goduria….la solbiatese è in 10, ci crediamo…in fondo loro non hanno mai giocato, hanno badato solo a difendere quel vantaggio che gli abbiamo regalato noi….manca poco…mentre la Barbara soffre davanti al televideo, io sto delirando…chiamo il gol e urlo con il filo di voce che mi è rimasta: voglio il 2-1, voglio la rimonta, me lo merito, nel 92 io c’ero, è stata la mia prima trasferta….un delirio insomma….ci pensa Armani, il profeta in Patria, ad insaccare proprio in quei momenti…tutti sotto la decina….momenti fantastici che solo il Fiore può farti vivere…fingo che sia tutto per me ma non è vero, è molto meglio….tutto ciò è per NOI, per la decina, ce lo meritiamo! Non c’entra la ricorrenza… La bestemmia di Bho? (Fabione) dopo il triplice fischi finale ha il tono liberatorio e sfoga anche la rabbia accumulata nel vedere in campo Spike Lee che sbagliava tutto…(ma per qualcuno è sempre il migliore in campo?!?!?).

La squadra al completo sotto la gradinata, sotto la “Decina”, è un momento magico…cose che mi emozionano sempre….

Che vittoria, che domenica stravissuta, stragoduta….più di quel 20 settembre 1992! Ed è solo grazie a tutti voi! Grazie DecinaUltras! Grazie Ragazzi! Grazie a Perazzi e al suo calcio romantico con tutti i suoi interpreti!

Jameson

venerdì 20 novembre 2009

ONORARE!

La prossima trasferta a Solbiate Arno (VA) è da onorare...
Perchè? Perchè è stata la prima trasferta in pullman da ultras del nostro Jameson Sozzi. Jameson aveva 16 anni nel Settembre 1992, stadio "Felice Chinetti", campionato di serie C2 Fiorenzuola batte Sobiatese 3 a 2 nella seconda uscita di campionato, grazie alle reti di: Nistri, Rossi e Pavanel. A fine stagione il Fiore di Veneri si piazza secondo ed è promosso in serie C1, la Solbia di mister Campagna e bomber Rovellini appena dietro a sole due lunghezze di distanza. Promozione in C1 sfiorata nell'annata precedente (1991/92) con la sconfitta nello spareggio contro la Spal di Gibi Fabbri.
Ci sono molte analogie fra l'U.S. FIORENZUOLA 1922 e la Solbiatese Arno 1911. Il club neroazzurra è una nobile decaduta con 21 gettoni di presenza in serie C e come il Fiorenzuola stata una vera e propria fucina di talenti. Hanno vestito la casacca neroazzurra calciatori del calibro di: Loris Boni, Bruno Beatrice, Domenico Volpati, Ugo Tosetto, Amedeo Mangone, Roberto Maltagliati, Stefano Guidoni e poi ha allenato qui Osvaldo Bagnoli e Lele Oriali nei panni di General Manager.
Molti ex rossoneri hanno militato nella Solbiatese: Mirko Poloni, Piero Ferraresso, Alec Bolla, Andrea Quaresmini, Orazio Millesi, Gianluca Coti.
Solbiate Arno ha uno stadio che in pratica può contenere tutta la sua popolazione (5.000 anime). Ci siamo andati una volta in Interregionale (1986/87) ma non ricordo cosa abbiamo fatto. E poi tre volte nei primi anni '90 in C2: vittoria con Jameson al seguito mentre nelle annate 1989/90 e 1990/91 solo pareggi a reti inviolate. Nella rosa attuale, agli ordini di mister Ernestino Ramella c'è l'esperto attaccante Massimo Marsich, classe '70 che sicuramente ricorderete con la maglia della Triestina. In coppia a Marsich c'è Fabrizio Castellazzi classe 1984, coadiuvati da Gabriele Donghi.
Quello di domenica è il primo di due scontri-salvezza fondamentali da giocare tutti lontano dalle mura amiche, in terra varesina. Il primo è impregnato di tanti bei ricordi, quelli della serie C.

RITROVO DOMENICA 22 NOVEMBRE ORE 12 IN PIAZZALE CAPPUCCINI!

lunedì 16 novembre 2009

FIORENZUOLA-Tritium 0-3 ...(giorni da ricordare!)

Il calcio unisce, il tifo idem. E noi di Fiorenzuola non riusciremo mai ad essere adeguatamente riconoscenti al gioco del calcio e all’amore per la squadra del nostro paese che ci ha regalato tanto. Grazie a questa passione viscerale abbiamo passato l’ennesimo momento fantastico della nostra storia di piccola tifoseria di provincia. Due giorni fantastici stravissuti assieme ai nostri amici venuti dalla Castilla per ricambiare la nostra visita, per sostenere la nostra squadra del cuore, per conoscere la nostra piccola cittadina, la sua gente.
La giornata di sabato l’abbiamo dedicata ai nostri luoghi e alle nostre tradizione. Piazza Caduti; la Contrada Dritta ovvero Corso Garibaldi quella via di sampietrini sulla quale si affacciano gli edifici della Fiorenzuola antica con i suoi locali pubblici i negozi, poi viale Liberazione, Piazza Fratelli Molinari quella della Chiesa Grande, via Gramsci l’antica via dei Mercanti. La gente di Fiorenzuola passa incuriosita, ascolta i nostri amici confabulare e rimane a bocca aperta. Si comincia ad aver fame e soprattutto sete: tappa all’antica osteria del Teatro di via San Fiorenzo, “il Gazebo”, con pane e salame e vino rosso da gustare nelle ciotole, come si faceva una volta. Il primo pranzo del week-end del Gemellaggio lo facciamo da Elio, al Borgo, appena dietro alla piazza principale della città.
Dopo il generoso pranzo ci spostiamo in via XX Settembre. Fiorenzuola d’Arda è piccola e non ha ostelli. Il Comune di Fiorenzuola ci ha dato una grossa mano nel permetterci di far alloggiare i nostri amici nel centralissimo hotel Concordia. Il signori Rizzi ci consegna le chiavi delle loro stanze all’ultimo piano. Le bandiere morade (viola) sono già affacciate in via Bressani che sventolano, appese all’esterno delle finestre dell’albergo. Nel pomeriggio ci attendono in Municipio, nella bella Sala dell’Orologio, l’assessore Nicoletta Barbieri e il giornalista del quotidiano LA CRONACA Filippo Ballerini. Visitiamo l’antico fabbricato ex convento dei frati di San Giovanni che ospita tutt’oggi le uniche reliquie del compatrono San Bernardo, con l’assessore che ci fa da cicerone, da guida. Percorriamo poi via Teofilo Rossi per recarci al Teatro Giuseppe Verdi e ammirarlo nel suo interno; poi la Collegiata di San Fiorenzo con i dipinti e i decori della Cappella del Santissimo Sacramento, l’antico Organo, l’abside e il dipinto del Benefial con soggetto il Miracolo di San Fiorenzo. Si avvicina la serata. Aperitivo al Bar Darwin dal Vedo, poi cena tipica piacentina al ristorante “Il Baracchino” di Baselicaduce. Chisolini e salume, tortelli all’erbetta, vino, pisarei e fasò, nocino e limoncino. Joder! Questi sono abituati a trascorrere i week-end in una città che conta 90.000 abitanti, con la brulicante movida palentina, riusciremo noi a farli divertire a Fiorenzuola mi domando perplesso. Siamo già belli carburati e i pensieri scivolano via. Ci attendono i locali notturni di Fiorenzuola che non saranno paragonabili a quelli di Milano, ma il movimento e la voglia di divertirsi non manca. La “Croce Bianca”, punto di ritrovo notturno dei giovani della Valdarda, l’antico “Bar Caminetto” con la festa e la musica dal vivo, Lo Snack Bar con la festa Bandaboard. La serata trascorre spensierata fra birre, sorrisi, dark side e cori da stadio per le vie della città. Ultima irrinunciabile tappa da far vivere ai nostri cari amici è quella da Imo, al “Follet’s Pub”. Oramai locale storico di Fiorenzuola, punto di ritrovo dei tiratardi fiorenzuolani, per chi vuol fare l’alba in allegria. Imo li accoglie con il suo particolarissimo spagnolo, offrendogli focaccia, salume e birra a volontà. Qualcuno comincia ad accusare un po’ di stanchezza. Gli ultimi di noi con gli amici spagnoli salutano la domenica che sta per arrivare alle cinque del mattino.
Ore 11 di domenica poca gente per le strade. Ho dormito poco, mi brucia la gola ma sono felice e scalpitante. Italia-Spagna 0-2. Palencia batte Fiorenzuola in tema di puntualità. Questi ragazzi spaccano il secondo. Alle 11,30 sono già al Suavis Caffè a terminare la loro colazione. Alle 11.45 siamo all’interno dello stadio Comunale per appendere gli striscioni: i nostri e quelli dei gruppi gemellati con Ultras Fiorenzuola: MUY MORAOS e FRENTE VACCEO Palencia. Dopo le foto di rito ci attende un piccolo pranzo al Bar Darwin prima della partita contro il forte Tritium.
Allo stadio, la mia voglia matta di stupire, si ferma ad uno striscione “Benvenuti Palentinos” appeso nella parte alta del nostro settore, e a una fumogenata rosso-nero-viola che innescherà l’ira del resto del pubblico portandomi per un attimo come una macchina del tempo agli anni della serie C, quando a volte si toccavano i 3000 spettatori e il fumo acree invadeva tutto lo stadio prima delle gare di cartello e giù lamentele e discussioni infinite sugli spalti. Entrano le squadre in campo dal tunnel al cospetto di non più di 400 spettatori (buona rappresentanza ospite: un pullman con una decina di Fanatici Tritium). Il Fiore con maglia strisce rossonere parte bene. Tiene bene il campo e colpisce una clamorosa traversa con Chiurato. In gradinata non siamo in tanti, ma ci facciamo sentire a gran voce. Carlos, Pirri, Gica e Victor sono fantastici, una simpatica e originale macchiolina viola in mezzo a noi. Sostengono il Fiore, Cantano assieme a noi. Addirittura stupiscono il resto del pubblico quando prendono l’iniziativa alzando un bel “Fiore Campeon” sulle note di “Vamos mi Palencia” che lascia tutti un po’ di stucco. Bellissimo.
Il Tritium del grande Stefano Vecchi incurante che oggi era la nostra festa, comincia a pigiare sull’acceleratore con un ritmo inarrestabile. buone trame di gioco, esperienza e terminali offensivi in vena di gloria. La prima frazione ci vede in svantaggio per una rete a zero. Nella ripresa ce ne rifileranno altre due (il terzo sigillo è un vero e proprio euro-gol) per la gioia dei sostenitori ospiti che escono dal sempre più vulnerato stadio Comunale intonando “Salutate la capolista!”.
Abbiamo perso ok. Ma nonostante i nostri limiti i ragazzi hanno dato tutto come sempre. Pretendere di fare risultato contro una delle squadre più attrezzate del girone non è nel nostro stile. La classifica si sta delineando sempre di più e se ci vogliamo salvare forse serve veramente un ritocco importante. A mio avviso mancano due punti pesanti, quelli della trasferta di Carate. Ma “Il cane abbaia: quel che è fatto è fatto!” cantava Fabrizio De Andrè quindi cominciamo già a guardiare alle prossime due trasferte che saranno fondamentali in chiave punti-salvezza.
Quattro ragazzi castigliani: tre di Palencia e uno di Burgos da noi a Fiorenzuola d'Arda, per il Fiorenzuola! Che onore! Al di là del risultato del Fiore, possiamo dire di aver passato veramente due giorni splendidi, stravissuti e straviziati grazie alla visita dei nostri amici casigliani.

FIORENZUOLA E PALENCIA SEMPRE AMICI!!!
FORZA PALENCIA! AUPA FIORENZUOLA!!!


i tifosi ospiti FANATICI TRITIUM

Un sentito grazie a Paolo Lunardini per le foto offerte, al Comune di FIORENZUOLA, ai giornalisti dei quotidiani locali, ai ristoratori e ai baristi che ci hanno sopportato in questi fantastici giorni, a chi ha partecipato ...GRAZIE!!!

giovedì 12 novembre 2009

FIORENZUOLANI e PALENTINI Uniti in un solo abbraccio!

FIORENZUOLA-TRITIUM non è solo una semplice partita di campionato.
Arriva una delle squadre più quotate del girone. S.S. TRITIUM 1908, denominazione latina per la compagine di Trezzo sull'Adda (13.000 abitanti) allenanta niente popodimeno che da quel Stefano Vecchi, classe 1971 che tante soddisfazioni ci ha dato negli anni '90 con la maglia rossonera.
La compagine biancoazzurra è superattrezzata. Spicca nell'organico la presenza del forte centrocampista ex professionista, classe 1983 Diego Daldosso (6 presenze in serie B nel Monza stagione 2000/01) e degli attaccanti: Roberto Bortolotto classe 1985 e Giorgio Pesenti classe 1975 che al Fiore ha sempre segnato (forse però per nostra fortuna è infortunato)
Qualche anno fa i prossimi avversari del FIORE erano seguiti dal nutrito gruppo ultras: i FANATICI TRITIUM. L'ultima volta che ho visto questa compagine dalle nostre parti la mente mi torna alla fine degli anni '90 con il club milanese impegnato nell'angusto terreno di gioco di Vigolo Marchese in Eccellenza.
Dicevamo che FIORENZUOLA-TRITIUM non è solo una semplice partita di campionato.
In occasione di questa sfida un gruppo di amici, un gruppo di sostenitori castigliani del CF PALENCIA sarà presente allo stadio Comunale per tifare FIORENZUOLA.
Oltre 1500 km per passare un week-end a Fiorenzuola, conoscere la nostra città, la nostra gente, le nostre abitudine, le nostre tradizioni.
Due giorni particolari. Due giorni da stravivere con questi ragazzi appartenenti ai gruppi MUY MORAOS e FRENTE VACCEO gemellati da un paio di anni con gli ULTRAS FIORENZUOLA.
Noi a Palencia ci siamo stati ospitati ad aprile dello scorso anno. Nel week-end de la Semana Santa (Pasqua) per il big-match Palencia-Burgos e ci hanno trattati come dei Pascià.
Esperienza unica. Gironi davvero indimenticabili che porteremo sempre nel cuore.
Ci vedrete assieme a loro per le vie di FIORENZUOLA e nei locali nella giornata di sabato a fare festa!
... E Domenica 15 Novembre al Comunale il rosso e il nero si mescoleranno con il viola.
TUTTI ALLO STADIO! TUTTI IN GRADINATA!
AUPA US FIORENZUOLA! FORZA CF PALENCIA!


(...da domenica sono disponibili anche le sciarpe degli ULTRAS in vendita a 10euro)

info, foto, dettagli: http://www.piacenzacalcio.com/forum2/viewtopic.php?f=13&t=10183&start=0

mercoledì 11 novembre 2009

martedì 10 novembre 2009

C'E' L'IMPEGNO DI COPPA!

Russi-Fiorenzuola 0-1 (Savarino)

C'è l'impegno di Coppa Italia... e chi se lo aspettava di arrivare fino a qui a disputare gli ottavi di finale.
Mercoledì 21 ottobre a Russi c'erano 150 paganti, 4 Irriducibili Russi in gradinata con 2 Ultras Fiorenzuola!
Due Ultras Fiorenzuola che si sono sobbarcati 250 km per seguire il Fiore, perchè la Coppa è un impegno che non va trascurato, perchè i ragazzi se lo meritano.
Sfide di piccoli numeri quelle di Coppa, di tifosi che prendono mezza giornata di permesso al lavoro per assisterle, sfide di incondizionata passione dunque.
Sfide che danno spazio ai nostri ragazzi, a quelli meno impiegati in campionato. Che danno loro una grossa opportunità di mettersi in mostra.
Domani, mercoledì 11 Novembre affronteremo in gara secca al Comunale la compagine toscana del Mobilieri Ponsacco. I rossoblu di mister Lazzarini hanno annientato con un secco 5-0 la juniores della Sestese nell'ultimo turno di Coppa. In campionato nel girone D stazionano nei quartieri bassi con 10 punti.
C'è un unico precedente che ci ha visti opposti a questo inedito avversario che fece esplodere l'estro di Gianni Matticari. Risale alla stagione 1987/88 in Interregionale ai tempi di Chierico.
L'appuntamento è per mercoledì 11 alle 14 in GRADINATA!

Noi ci siamo! FORZA RAGAZZI!

Ultras Fiorenzuola a Russi (RA) di mercoledì pomeriggio, in Coppa Italia

lunedì 9 novembre 2009

Caratese-FIORENZUOLA 1-1 (Armani)

A Karate Il gran gol di Armani ad inizio ripresa non è bastato. Peccato, persa una grossa occasione per incamerare altri tre punti d'oro in chiave salvezza.
Di certo non ci si può lamentare visto l'andamento della gara: la giovanissima compagine locale assatanata a fare la partita. I ragazzi di Alfredo Ottolina hanno dato tutto per "salvare" la pelle al loro mister, su di un terreno di gioco al limite della praticabilità. Sul gol del pareggio di De Angeli ho pensato: adesso se come al solito andiamo in cagona la perdiamo di sicuro sta partita.
Partita piacevole ma abbiamo sofferto e parecchio. Ma nel finale a momenti mettevamo a segno il gran colpaccio. Sulla punizione telecomandata di Chiurato (meno spietato del solito) l'estremo difensore brianzolo Menegon classe 1991 ha compiuto un vero e proprio miracolo; poi la scorribanda di Armani che salta tutta la difesa e piazza quel diagonale che lambisce la faccia esterna del palo a pochi decimi di secondo del fischio finale.
Beh sarebbe venuto giù quel bel piccolo spicchio di tribuna occupato dalla solita combriccola di buontemponi (in 21 a Karate con Barbara e Samuele al seguito) che ogni domenica seguono il FIORE ovunque.
Mercoledì ottavi si finale di Coppa Italia allo stadio Comunale ore 15.30 poi domenica ci fa visita la capolista Tritium (CON VISITA DEGLI AMICI SPAGNOLI DEL PALENCIA), subito dopo ci attendono due trasferte di fondamentale importanza a Solbiate e a Sesto Calende
Che ciclo che ci attende! Dosiamo bene le forze e attenzioni ai gialli.
SARA' DURA SALVARCI! MA IL FIORE DEVE FARCELA! CENTRARE LA SALVEZZA SARA' PER NOI TIFOSI COME VINCERE IL CAMPIONATO!
VOGLIAMO FESTEGGIARE CON VOI! ...SALVIAMO IL FIORE!!! AVANTI RAGAZZI!!!

NOTE A PARTE:
- Marzio Merli, mister Perazzi e C. hanno visto giusto decidendo di ripartire da loro. Armani-Orrù sugli scudi. I due fedelissimi, partiti in sordina stanno diventando sempre più leader e pedine fondamentali di questo baby-Fiorenzuola 2009/10. Armani aveva aperto il valzer del gol contro il Borgosesia, si è ripetuto a Karate. Sempre più decisivo il nostro Profeta in Patria. Che Capitano che abbiamo!... campo inpraticabile, avversari morsi dalle tarantole, nelle difficoltà Marco Orrù si esalta. Grande Capitano!
- Crociati Noceto. Ve lo ricordate? Beh... pochi acquisti, molta umiltà. I gialloblu del grande Michele Tagliavini e di mister Torresani sono 4 punti dalla vetta. Potevamo esserci noi lì, bastava veramente poco ...quanti rimpianti ...iore che hai fatto!?!?
- (Ciccio Benzina from Gallesi uno di noi!)
- Karate Brianza. Hiterland milanese ma con palazzi signorili, eleganti e curate aiuola... non si direbbe ma... un pubblico senza ultras di sclerotici così lo avavamo solo incontrato non lo avevamo ancora incontrato quest'anno. Buona presenza di spettatori. Io sono stato di là ...quello alle percussioni non era un fanciullo ma un arzillo anziano con cappello da joker e sciarpa azzurra al collo, (vedi foto) anche questo è il bello del calcio dilettanti.
- E' sempre più dipendenza da Tullamore Dew.
- Ho letto sul libricino calendario dell'U.s. Caratese 1908: Fiorenzuola d'Adda. Cazzo! Smettetela di storpiarci il nome. D'Adda? Fiorenzuola non è in Lombardia e il suffisso Arda è il torrente che ci attraversa, quello dentro il quale nelle notte di luna piena andiamo a pescare le forme di Grana Padano.
- Consegnatemi "Birre, bottiglie e mazze!" è un ordine! intimò l'appuntato in divisa... MA VAFFANCULO!
- Ma come fa Barbara a sopportarci?
- A Roma hanno la Rossella Sensi, a Lanciano l'avvenente Valentina Di Maio, a Bologna la Menarini, in riva all'Adriatico, a Pescara: Debora Caldora, poco distante da dove eravamo domenica, a Sesto San Giovanni c'è Elisabetta Pasini ...a Karate? A Karate hanno un vulcano. La bella Laura Riva che nel finale si complimenta con Sozzi e Tony per il nostro tifo e risponde per le rime ad un sostenitore-contestatore della Caratese. Venga danoi! Vogliamo la Sig. Riva nel consiglio direttivo del Fiore!

domenica 8 novembre 2009

MANCA VERAMENTE POCO...

Manca veramente poco alla grande festa per la visita dei nostri amici gemellati del CF PALENCIA, compagine della Spagna del Nord che milita in Segunda B (la serie C1 spagnola per intenderci).
SABATO 14 TUTTI A CENA! ...DOMENICA 15 (FIORENZUOLA-tritium) ...TUTTI ALLO STADIO ore 14!

mercoledì 4 novembre 2009

IL FIORE E' ...TUTTO PER ME!

Caratese-FIORENZUOLA. Altro scontro salvezza di fondamentale importantanza! E' la prima volta nella nostra storia (credo) che andiamo a Carate Brianza, paesone di 18.000 abitanti, a fare visita all'U.S. CARATESE, un habitué della serie D. I biancoazzurri stazionano all'ultimo posto in classifica con 4 punti frutto di una vittoria (sull'SBC Oltrepo), un pareggio (contro il Tritium capolista) e sette sconfitte. Sette reti all'attivo e tredici al passivo. Squadra giovane che mette tutto in campo come detta l'indole del mister dei brianzoli. Se non lo sapete ve lo dico io chi siede sulla panchina dei nostri avversari. Si tratta di una vecchia conoscenza: Alfredo Ottolina. Ve lo ricordate Ottolina? Quel rambo, quel vichingo della difesa, quel "Matticari" capello lungo e muscoli ben in mostra, un temuto armadio che vestì le maglie del Saronno e del Como del presidente Preziosi in serie C1. Ottolina ha tirato i primi calci proprio nella Caratese con il coetaneo Moreno Torricelli che poi spiccò il volo verso la serie A. I nostri avversari giocheranno "alla morte" quindi Domenica ci attende un impegno durissimo. Da tenere d'occhio l'attaccante Luca Bosio ex Merate. I punti ottenuti contro il Borgosesia sono d'oro ma che fatica nel primo tempo trovare la via del gol, e la solita distrazione difensiva sul gol piemontese poteva costare veramente caro. La vittoria di domenica scorsa non deve farci perdere la concentrazione, tanto meno indurci a credere che abbiamo superato i problemi che ci attanagliavano giorni fa. E se riuscissimo a centrare la vittoria? ...potremmo anche sognare di saltare la staccionata e sbarcare per la prima volta nella prima colonna di sinistra della classifica. A Carate Brianza è importante esserci e sostenere per tutto l'arco della gara i nostri ragazzi! La sfida di domenica in terra lombarda è troppo importante in chiave salvezza e precede la gara interna contro la superfavorita Tritium (con visita degli amici di Palencia)! Dalla bella Fiorenzuola partiranno domenica vari mezzi di fortuna carichi di supporters tronfi di entusiasmo e amore verso la squadra di calcio del loro paese! VIENI CON NOI! ritrovo ore 12, piazzale Cappuccini. IL FIORE E' ...TUTTO PER ME!

lunedì 2 novembre 2009

FIORENZUOLA-Borgosesia 4-1 (Armani, Rosi, Chiurato, Araldi) ...ciao Luciano!

Vinto! Vinto nella domenica di Luciano! Vinto per il grande Luciano! Nella domenica del ricordo, il Fiore centra la sua terza vittoria in campionato rifilando 4 reti al Borgosesia, diretta rivale nella bagarre per la permanenza nel campionato Nazionale di serie D.
Entrano le squadre in campo, scatta il minuto di silenzio con i rossoneri uniti a centrocampo con addosso la maglietta "CIAO LUCIANO". In gradinata regnerà il silenzio totale fino al ’20. Alla recinzione c’è appeso sopra il drappo degli ultras lo striscione: "GRAZIE BIG LUCIANO".
La partita è di quelle importanti in chiave salvezza. Il tribuna laterale c'è un nutrito e colorato gruppo di tifosi ospiti che sostengono a gran voce i proprio begnamini reduci dalla bella vittoria di Carate Brianza.
Nel 1999 il settore ospiti del nostro stadio Comunale era l'altra metà di gradinata oggi chiusa. In una bigia domenica di gennaio contai numero 1 tifosi ospiti con piccolo drappo da Borgosesia. Domenica erano in una ventina dietro lo striscione Brigata Alcolica 1986. Nonostante la prova poco convincente del loro Borgo, i tifosi granata hanno sostenuto per tutta la partita la loro squadra del cuore.
Sfida equilibrata per tutta la prima frazione di gioco chiusa sul risultato di zero a zero.
Ad inizio ripresa il nostro Vicecapitano Andrea Armani si traveste da bomber e scaglia in rete un potente destro sul quale nulla può Gianfranco Randazzo, 37 anni di portiere, nostra vecchia conoscenza ai tempi della C. Tutto il Fiore corre verso la panchina ad abbracciare Luca che entrerà in campo subito dopo.
Il raddoppio arriva dieci minuti più tardi e lo firma proprio Luca Rosi figlio di Luciano, bravo ad approfittare di una sbandata difensiva piemontese. Prima rete stagionale per l'attaccante fiorenzuolano.
I Valduggiani di mister Roberto Bacchin accorciano le distanze, poi però ci pensa il solito Alessandro Chiurato (6° sigillo personale) a riportare il Fiore sul doppio vantaggio. A fissare il risultato sul 4-1 ci pensa Nicolò Araldi innescato da un ottimo Rosi. Il ventenne attaccante Araldi porta a zonzo la retroguardia ospite realizzando il secondo acuto stagionale.
Da segnalare il più che positivo esordio fra i pali di Michael Mercati, giovanissimo portiere classe 1992 che non ci ha fatto rimpiangere Anelli fermo per problemi muscolari. Bene anche Mattia Rovida, esterno sinistro classe 1989 ex PontollieseLibertas al debutto da titolare in serie D. Congratulazioni per Michael e Mattia!
La vittoria conseguita nello scontro diretto contro il Borgosesia è importantissima perché da fa salire a quota 11 (assieme alla Colognese) il Fiore in classifica e da morale.
Il Fiore deve salvarsi! Ora bisogna continuare su questa strada, nel segno della continuità. Dietro l’angolo c’è già l’impegno contro la Caratese. Altra sfida di vitale importanza. TUTTI A CARATE!


Brigata Alcolica 1986 Borgosesia