lunedì 29 settembre 2014

FIORENZUOLA-Imolese 1-1 Andrea Lucci

Arriva un punto nella sfida interna contro l'Imolese. Al Comunale è sbarcata una squadra che dopo l'esonero del tecnico Farneti aveva addosso le motivazioni di una finale. Tutti sotto esame in casa rossoblu. Noi reduci dalla grandiosa impresa di Rimini a fare di nuovo i conti con assenze pesantissime: Michele Piccolo out per l'attacco e un bomber della stoffa di Luca Franchi ancora a mezzo servizio, in più l'assenza di Ettore Guglieri uomo di esperienza a tutto campo del Fiorenzuola. Mantelli non si scoraggia, conosce il potenziale dei suoi e schiera il meglio che ha a disposizione con ben due 1997 in campo (Pighi e Caporali) e i rientri a pieno regine di Alessandro Sessi e l'eroe di Rimini: Giuseppe Casisa.
Ospiti freschi della scossa settimanale arrivata con l'arrivo del nuovo tecnico Attilio Bardi (ex Lega Pro) veramente incazzati in campo dal primo minuto. La fame è quella giusta, quella di una squadra con buone ambizioni ma ancora ferma con un solo punticino in fondo la classifica. Ma davanti c'è l'organizzazione del gruppo di Mantelli, che stringe i denti nonostante le defezioni e la tenera età di parecchi dei suoi componenti. Ribatte colpo su colpo. Questo è lo spartito del match.
Gli ospiti scesi in Valdarda con il classico completo che ricorda quello del Bologna vanno vicinissimi al gol, colpendo due legni. Quante volte ci è successo di correre come dei matti per intere domeniche, creare miriadi di occasioni da goal senza raccogliere nulla.
Dopo la grandiosa impresa di domenica scorsa a Rimini (ieri i biancorossi hanno sbancato Abano Terme) c'era il timore di un calo di concentrazione e tensione dei nostri. Sarà stato l'atteggiamento aggressivo degli avversari, saranno state le assenze abbiamo sofferto. Dover centellinare un attaccante del potenziale di Franchi è uno strazio che non vi dico. Ma poter contare su di lui anche per pochi minuti di permette di girare sotto sopra le sorti di un match. Con lui, a supportare il solo soletto Lucci la solfa cambia. Agli avversari ora tocca arretrare o stare più all'occhio nello sbilanciarsi dalle parti di Marco Valizia. Quando meno te lo aspetti, siamo pronti a colpire con un cinismo mai visto. Un corridoio invitante innesca Lucci che si invola e fa secco l'estremo difensore ospite Carli con un diagonale al veleno dei tempi migliori di Andrea. A volte sonnolento altre volte immenso. Questo è il nostro Andrea Lucci da quasi sei anni a Fiorenzuola. Uno degli attaccanti più tecnici e con i piedi migliori visti in questo ultimo decennio. Uno a zero inaspettato. La gente sotto il caldo sole che picchia sulla gradinata pronta di già a pregustarsi la terza vittoria di fila del magico 11 di Alberto Mantelli, la squadra del cuore. Una vittoria importante in vista di una sfida proibitiva in quel di Correggio. Una vittoria che significherebbe il secondo posto in solitaria in questo inizio di campionato fantastico. A essere onesti sarebbe stato contro questa Imolese, rubare la marmellata ma questo è il Calcio. Quante volte ci è successo di correre come dei matti per intere domeniche, creare miriadi di occasioni da goal senza raccogliere nulla. Ci poteva stare. Tre giri d'orologio e su una palla all'apparenza innocua i rossoblu trovano il meritato pareggio. Quante volte in questi due anni Marco Valizia a contribuito ai grandi successi del Fiorenzuola? Quante volte ci ha "parato" il culo? E' stato come rivedere un portiere entrato nella storia del Fiorenzuola, quale l'argentino di Buenos Aires: Hugo Daniel Rubini piegare la testa a Sesto San Giovanni e in casa contro la Spal.
Posta in palio spartita a metà fra vecchie amiche emiliane. Un giusto punto a testa. Va bene così Fiorenzuola, e ora prepariamoci bene che domenica ci attende la forte Correggese.

Mister Alberto Mantelli assieme ad Andrea Lucci
Andrea Petrelli confermato a centrocampo assieme a Pietro Pighi

FIORENZUOLA–IMOLESE 1-1
Fiorenzuola: Valizia, Donati, Legrenzi (46’ Vaccari), Petrelli, Piva, Fogliazza, Pighi (70’ Masseroni), Sessi, Caporali (53’ Franchi), Lucci, Casisa. All. Mantelli
Imolese: Carli, Dall'Osso (85’ Carnesecchi), Selleri, Righini, Galassi, Zaccanti, Senese,  Mordini, Petrascu, Tattini (78’ Buonaventura), De Martino (70’ Casella). All. Bardi
Arbitro: Bonassoli di Bergamo (Cecchi-Gambini)
Marcatori: 78’ Lucci (F), 81’ Buonaventura (I)
Note: giornata di sole con temperatura mite, terreno in ottime condizioni. 400 spettatori circa. Ammoniti: Senese (I), Dall’Osso (I), Lucci (F), Masseroni (F), Casisa (F)

i difensori Rossoneri: Marco Fogliazza e Fabio Legrenzi
Amilcare Caporali: per lui seconda presenza in campionato
Alessandro Sessi e Giuseppe Casisa, pedine di esperienza

giovedì 25 settembre 2014

via Emilia

Archiviata l’impresa di Rimini si torna al Comunale per l’impegno contro l’Imolese.
Il nome di Fiorenzuola nei titoli delle testate giornalistiche nazionali del lunedi. Che bello essere lassù in classifica, siamo solo all’inizio, i veri valori devono ancora emergere però essere lì appaiati al Piacenza, appena dietro a Este e Delta Rovigo Porto Tolle è davvero bello.
A Rimini è arrivato un colpaccio inaspettato. Ottima la risposta dei giovani che non si sono fatti intimorire dai blasonati avversari. Valizia solita grande conferma, Pighi assist-man, i debuttanti Campana, Vaccari e Caporali si sono fatti trovare subito pronti. Bene il rientro di Peppe Casisa, che con la sua tecnica ed esperienza è tanta manna in mezzo al campo per questo Fiorenzuola. Bisogna ora continuare sulla questa strada della continuità di risultati e della crescita. Cinismo in attacco come in riva all’Adriatico e maggiore attenzione in difesa vedi l’azione del gol del Rimini che poteva essere evitata.  Bisognerà anche per domenica fare i conti con l’infermeria e stringere i denti ma siamo abituati con un gruppo di calciatori costruito da mister Mantelli con la mentalità e l’umiltà giusta. Un gruppo affiatato e unico in cui non ci sono riserve, ma ragazzi che si fanno trovare sempre pronti alla chiamata del mister. Alessandro Sessi ha scontato il turno di squalifica ed è pronto a tornare a disposizione, meno male perché non avremo Guglieri, assenza pesantissima. Pizzelli che sembra vicinissimo.
Fra gli infortunati si spera nel recupero di almeno uno fra i nostri due attaccanti Piccolo e Lucci. Nota lieta il rientro di
L’avversario di domenica scenderà in Valdarda con il coltello fra i denti causa una classifica che piange. Quindi attenzione perché l’ultima piazza occupata dagli emiliani nella graduatoria non rispecchia il potenziale della squadra. Dopo l’esonero del tecnico bolognese Franco Farneti la squadra è stata affidata al vice, quel Alessandro Baiesi che da calciatore è stato nostro avversario e di mister Mantelli nelle file della tosta Centese assieme all'attuale direttore sportivo Gianluca Ricci. Ricordi di serie C anni 90’.
Poi ce lo siamo ritrovati davanti a Comacchio Lidi, lui da diesse era stato messo alla guida tecnica dopo l’esonero di Bardi. Ecco proprio lunedì, dopo il terzo stop consecutivo dei Rossoblu la dirigenza ha deciso di scegliere Attilio Bardi per risalire la china.
Dopo la salvezza della passata stagione, per affrontare il secondo anno di serie D la società ha optato per la riconferma del gruppo che ha centrato l’obiettivo. Sono poi arrivati a puntellare l’organico giovani di qualità e il ritorno di un nome importante quale Federico Zaccanti, difensore di esperienza con trascorsi importanti in serie C nostro avversario ai tempi del Faenza di Carletto Regno. Per rafforzare il centrocampo è stato ingaggiato Selleri. Attenzione in avanti al loro attaccante: Sebastian Petrascu, punta rumena che a Forlì è rimasto un idolo. Nella stagione 2011-12 ha realizzato ben 25 gol nel Forlì promosso in Lega Pro, l’anno successivo 14. Petrascu è approdato a Imola nel novembre dello scorso anno, contribuendo con una decina di acuti alla salvezza. Classe 1982, è un numero nove che calcia punizione e sa pungere in maniera spietata. Nell’ultimo impegno contro la Correggese è stato sostituito nell’intervallo. Ma proprio il neo-tecnico forlivese Bardi aveva Petrascu a Forlì quindi la punta potrebbe rinascere nel vero senso della parola. Bardi in carriera è stato un attaccante dal fisico possente molto richiesto. Lo ricordo negli anni 80’ nelle file della Spal, poi al Sud al Giarre (chioccia di un giovanissimo Claudio Clementi) e alla Torres. Da allenatore ce lo siamo trovati da avversario contro il Comacchio Lidi: due a uno per noi con le reti di Armani e Fermi, e ai tempi della Centese serie D 2004-05: due a zero per gli azzurri a Cento alla terza di campionato e uno a zero sempre per i ragazzi di Bardi al Comunale. Il neo-tecnico rossoblu ha fatto intanto tesserare alla società del presidente Spagnoli l'esterno Marco Senese classe 1994 avuto l'anno scorso a Forlì in Lega Pro. Curiosità: il preparatore dei portieri a Davide Bertaccini, ve lo ricordate con i guanti da numero uno nelle file del Fiorenzuola di Gregorio Mauro e poi in quello di Ficcadenti?
In questo primo assaggio di campionato l’Imolese se l’è dovuta vedere contro tutte squadra candidate alla lotta per il salto di categoria e pertanto ripetiamo che la classifica attuale degli avversari non è veritiera.
Fiorenzuola-Imolese è storia di precedenti in serie C e di via Emilia. Nei nostri ultimi anni di professionismo il match sistematicamente era messo dalla cabala come gara di apertura del campionato. Settembre 1999, prima di campionato Fiorenzuola-Imolese. I rossoneri allenati dall’ex pescarese nato a Caracas Bruno Nobili impattano uno a uno contro gli emiliani di Nevio Valdifiori e del forte attaccante Actis Dato, del compagno ed ex di reparto Massimo Spezia, di Casoni, dei buon centrocampisti Maresi e Fusari. In gol per il Fiorenzuola il talento Luigi Consonni. Nella gara di ritorno al “Galli” identico risultato con rete agli sgoccioli di un giovanissimo Daniele Pizzelli al debutto in serie C2. Ci siamo poi rincontrati nella stagione 2001-02, quella del mancato passaggio di proprietà del Fiorenzuola dal presidente Villa al milanese Aleotti che voleva attuare dalle nostre parti il progetto di un club tutto argentino e uruguaiano. Si gioca stavolta la prima uscita di campionato ad Imola il 2 settembre 2001. Il baby Fiorenzuola allenato da Fabio Querin si deve arrendere ai locali di mister Bianchetti, ma non sfigura: sconfitta di misura con gol di Villa nel finale. Nella gara di ritorno al Comunale ne succedono di tutti i colori. Fiorenzuola in nove per le espulsioni del laterale sardo Balzano e dell’alsenese Andrea Gorrini per proteste. Cartellini gialli a grappoli che toccano anche Andrea Ciceri e la punta romagnola Merloni. Finisce uno a zero per i rossoblu con il direttore di gara assediato negli spogliatoi da dirigenti e sostenitori fiorenzuolani. Nella cronaca del tempo si parla di soli 200 spettatori paganti e si era in serie C. Il gol-vittoria per gli avversari fu realizzato dall’attaccante Gabriellini al trentacinquesimo.  
Se gli avversari decideranno di prendersi dietro la prima divisa a strisce rosso-blu ci sembrerà di avere di fronte il Bologna. I precedenti parlano di agonismo e pochi goal. Il cambio di tecnico darà sicuramente una scossa all'ambiente. Serve una gara intelligente e il sostegno degli appassionati sportivi.
FIORENZUOLA-IMOLESE domenica 28 Settembre, ore 15, stadio Comunale.


i nostri PRECEDENTI contro l'Imolese:

FIORENZUOLA-IMOLESE 1-1
FIORENZUOLA: Tassotti, Lauretti, Piciaccia, Conca, Gorrini, Marcucci, Ferraresso (1' st Speranza), Di Matteo (17' st Parma), Luciani, Consonni, Pelliccia (26' st Vessella). In panchina: Fumagalli, Della Bianchina, Liberti, Mello.  All: Nobili
IMOLESE: Finucci, Toschi, Dozio, Erbuto, Antonelli, Casoni, Maresi, Fusari, Pari (9' st Lucchi), Spezia (33' Malavenda), Actis Dato (43' st Aquino). In panchina: Monterastelli, Bonetti, Ballacci, Guerra. All: Valdifiori
ARBITRO: Valenzin di Milano
RETI: 27' pt Maresi, 43' pt Consonni
NOTE: Giornata di sole, terreno in buone condizioni. Spettatori:400 circa. Espulso al 37' st Parma per doppia ammonizione.Ammoniti: Parma, Erbuto; maresi, Spezia. Angoli: 5-4 per il Fiorenzuola. Un minuto di silenzio in memoria dell'allenatore delle giovanili del Fiorenzuola Paolo Guarnieri. Recuperi: 1'e 4'.

IMOLESE-FIORENZUOLA 1-1
IMOLESE: Finucci 6.5, Paterna 7, Pazzi 6.5, Erbuto 6.5, Bonetti 6, Casoni 6.5, Maresi 6.5, Fusari 6.5, Aquino 6.5, Lucchi 6.5 (1'stMalavenda 6), Conficconi 6. In panchina: Monterastelli, Ballacci, Donattini, Carapia, Martuzzi, Visani. All. Valdifiori.
FIORENZUOLA: Morrone 6, Lauretti 6, Medda 6, Speranza 6 (28'st Mello sv), Marcucci 5.5, Gorrini 6, Di Matteo 6.5, Caminati 6.5, Luciani 5.5, Conca 6 (28'pt Pizzelli 6.5), Lauria 6.5. In panchina: Fumagalli, Parma, Bandera, Liberti. All. Nobili.
ARBITRO: Rubino di Salerno.
RETI: 16'pt Paterna; 42' st Pizzelli.
NOTE: ammoniti Erbuto, Maresi, Lucchi, Marcucci, Gorrini, Di Matteo, Pizzelli.

IMOLESE-FIORENZUOLA 1-0  
IMOLESE (4-4-2): Betti; Batia, Dozio, Marchionni, Toschi; Villa (Mozzini dal 41' s.t.), Poggi (Valiani dal 25' s.t.), Casoni, Perenzin (Guerra dal 44' s.t.); Gabbriellini, Actis Dato. (Bandini, Lombardini, Lobello, Muiesan). All.: Bianchetti.
FIORENZUOLA (4-5-1): Fumagalli;  Balzano (Mileo dal 20' s.t.), Gorrini, Berardo, Sabato; Del Santo (Pugliese dal 45' s.t.), Melizza, Mello, Frisenda (Impreso dal 15' s.t.), Pizzelli; Frisenda; Luciani. (Ironi, Sessa, Cassaro, De Falco). All.: Querin. 
ARBITRO: Cigalotti di Milano. 
MARCATORI: Villa al 38’ s.t.
NOTE: spettatori 500 per un incasso di 6 milioni circa. Espulso l'allenatore Bianchetti (I) al 36' p.t. e il secondo allenatore dell'Imolese Parenti (I) al 40' s.t. Ammoniti: Marchionni (I), Mello (F), Del Santo (F), Luciani (F), Toschi (I). Angoli: 4 a 4.
IMOLA. Vince a fatica l'Imolese contro il giovane Fiorenzuola. Sotto lo sguardo di Mario Kempes in tribuna, i giovani allenati da Querin hanno tenuto in scacco la più quotata formazione di Bianchetti, fermati sotto porta in quattro occasioni nel primo tempo da alcuni spettacolari interventi di Fumagalli. Al 36', dopo un'azione di Villa, Actis Dato ribadiva in rete, ma l'arbitro annullava, provocando la reazione dell'allenatore di casa Bianchetti che veniva espulso. Nella ripresa l'Imolese, dopo un paio di occasioni, acciuffava la vittoria quasi allo scadere grazie ad una iniziativa di Actis Dato che serviva un preciso cross per la testa dell'accorrente Villa.
Notizia di domenica 2 settembre 2001

FIORENZUOLA-IMOLESE 0-1
FIORENZUOLA (4-4-2): Fumagalli; Balzano, Gorrini, Berardo (Di Francia dal 4' s.t.), Sabato (Livi dal 1' s.t.); Ciceri, Mello, Mileo, Ferrari A.; Merloni, Parma (Pizzelli dal 39' s.t.). (Ferrari A., Pugliese, Agostinelli, Fragiello). Allenatore: Bozzi-Querin.
IMOLESE (4-4-2): Betti; Bastia, Menghi, Dozio, Marchionni; Toschi (Valiani dal 2' s.t.), Casoni, Maresi, Perenzin; Villa (Gabbriellini dal 22' s.t.), Actis Dato (Muiesan dal 44' s.t.). (Bandini, Foschini, Guerra, Calamini). Allenatore: Bianchetti.
ARBITRO: Stefanini di Prato.
MARCATORE: Gabbriellini al 35' s.t.
NOTE: spettatori 200 circa. Espulsi: Balzano e Gorrini per proteste al 34' s.t.. Ammoniti: Merloni, Ciceri, Actis Dato, Gabbriellini. Angoli: 8-3 per l'Imolese.


lunedì 22 settembre 2014

Rimini-FIORENZUOLA 1-3 Luca Franchi (r), Giuseppe Casisa, Giordano Vaccari

La grinta di Petrelli e Pighi protagonisti assieme ai compagni nell'impresa di Rimini del FIORENZUOLA
Risultato di grande prestigio ottenuto dai Rossoneri al glorioso “Romeo Neri” di Rimini. Un risultato sorprendente che proietta i ragazzi di Alberto Mantelli nei piani alti della classifica del girone D di serie D appena dietro alle battistrada Este e Delta Rovigo Porto Tolle.
Quante preoccupazioni alla vigilia della trasferta di Rimini con i consigli dei più di mettersi il cuore in pace, e invece.. Partenza fissata per il sabato, con la squadra in ritiro (cose che non si vedevano da anni). L’infermeria è in agitazione con il forfait di bomber Michele Piccolo causa l’infortunio rimediato mercoledì contro il Formigine. Andrea Lucci non è al meglio mentre a centrocampo come fare a sopperire alla pesante assenza per squalifica di Alessandro Sessi colpito dalla squalifica. Come fare? C’è aggregato Giuseppe Casisa reduce da infortunio e per la prima volta si vede il giovane centrocampista ex Modena Giordano Vaccari. Tante assenze di peso e allora largo ai giovani senza troppe remore, con il debutto da titolare di Amilcare Caporali bomber della Juniores.
Alberto Mantelli, poche parole
tanti fatti
Andrea Petrelli è dirottato a centrocampo, al suo posto per
il pacchetto arretrato al fianco di Capitan Dennis Piva c'è Marco Fogliazza, mentre sulla mancina si rivede il bresciano Fabio Legrenzi. Fiorenzuola attento e concentrato nella cornice da serie cadetta del “Neri”, davanti a quasi 1500 spettatori, contro una delle big per nomi e denari spesi nel mercato estivo. Appesa alla recinzione il lungo stiscione fine anni 80' : "Red White Supporters Rimini". Qui nel 2006 si sognava la serie A e io vedevo alla tv i  gol segnati qui nei resoconti dei match di Novantesimo Minuto del sabato dedicato alla serie B. Qui la Juventus di Buffon e compagnia bella non andò oltre il pari. Il Rimini di oggi, di Marco Cari è chiamato al riscatto dopo la sonora sconfitta subita ad Este, dinnanzi agli occhi del proprio pubblico. Un primo esame per i romagnoli. Domenica di sole in riva all’Adriatico, Fiorenzuola in campo con i suoi cinque under titolari pronti a dare battaglia: Valizia, Donati, i Fiorenzuolani Pighi e Mazzoni, Caporali. Nella ripresa debutteranno: Giordano Vaccari e Nicholas Campana. Fiorenzuola che ha il merito di superare l'impatto iniziale del match. La prima conclusione è del nostro ex Giuseppe Gambino che chiama in causa dalla distanza Valizia bravo a non farsi sorprendere ribattendo l’insidiosa conclusione. Marco Valizia sarà anche oggi uno dei migliori in campo. Mister Mantelli non lascia mai nulla al caso, conosce bene pregi e difetti dei suoi allievi, prepara sempre le gare nei minimi dettagli con attenzione quasi maniacale alla crescita del gruppo. Il Fiore “aspetta” gli avversari si difende bene e prende coraggio. Al quarto d’ora, Pietro Pighi si inventa uno splendido appoggio per Franchi che taglia in due la difesa biancorossa. Luca Franchi con la sua vistosa fasciatura alla testa scappa ed è atterrato. Calcio di rigore che il bomber piacentino trasforma. Il Rimini reagisce ma Valizia fa come sempre buona guardia. Ettore Guglieri toccato duro da un avversario delle lasciare il rettangolo di gioco in barella. Al suo posto entra Casisa. Il vantaggio Rossonero tiene fino alla mezzora. Una conclusione di esterno destro del centrocampista Di Deo lambisce il palo prima di andarsi a depositare alle spalle del nostro numero uno. L’autore del gol è uno che  non prende solo un lauto rimborso spese il dieci del mese. I Rossoneri non si scoraggiano e in contropiede costruiscono l’azione del sorpasso. Magica triangolazione Franchi-Casisa sulla sinistra con palombella vellutata del centrocampista siciliano che scavalca l’estremo difensore locale. Un gol da cineteca. I padroni di casa tentano una reazione ma siamo ancora noi a colpire con il debuttante Giordano Vaccari. L’ingresso in campo del classe 1995 è la seconda mossa vincente a partita in corso del nostro bravo Mantelli. L'ex canarino al limite dell’area di rigore, raccoglie al volo l’appoggio di un ispiratissimo Franchi e di collo pieno fa partite un tiro che beffa Dini per la gioia incontenibile Valdardese. Rimini tramortito con il pubblico di casa che rumoreggia ancor più minaccioso. Ora i tre punti sembrano blindati per il Fiorenzuola che ė pronto ad assaporare e a godersi il secondo successo consecutivo, un successo di prestigio che vale un bel balzo in avanti in classifica. Da Rimini, durante i nostri nobili trascorsi in serie C non avevamo mai portato a casa nemmeno un punto. Un impresa meritata e da ricordare per Capitan Piva e C. In Romagna ė festa grande ed è tutta Rossonera! 
Andrea Petrelli combatte a centrocampo
L'invenzione di Pietro Pighi che smarca bomber Franchi
Capitan Dennis Piva svetta più in alto di tutti
La curva Est di Rimini
RIMINI-FIORENZUOLA 1-3 
RIMINI: Dini; Moretti, Calori, Bricca, Moresco; Di Deo, Bricca (25' st De Martino); Addessi, Masini (16' st Tedesco), Pera (18' st Bussaglia); Gambino. A disp.: Carezza, Di Nicola, Guastamacchia, Torelli, Verdone, Versienti. All.: Cari.
FIORENZUOLA: Valizia; Donati, Piva, Fogliazza, Legrenzi; Petrelli; Caporali (23' st Vaccari), Mazzoni, Pighi (36' st Campana), Guglieri (23' pt Casisa); Franchi. A disp.: Comune, Ratti, Lucci, Masseroni, Pizzelli. All.: Mantelli.
Arbitro: Natilla di Molfetta.
Reti: 15' st Franchi (rig.), 32' st Di Deo, 33' st Casisa, 38' st Vaccari.
Note: Spettatori 1.400 circa. Angoli 6-2. Ammoniti: Donati, Calori, Bricca, Mazzoni, Franchi, Tedesco, Campana.

Caporali e Franchi, in primo piano il capitano del Rimini Di Deo
Amilcare Caporali al debutto in serie D
    

Luca Franchi si è appena guadagnato il calcio di rigore
Ettore Guglieri esce in barella. Forza Guglie!
L'euro-goal di Giuseppe Casisa
il fiorenzuolano Mazzoni in azione
Donati e Mazzoni controllano Gambino
L'esultanza di Giordano Vaccari al suo primo gol in Rossonero, con lui Caporali e Donati nell'immagine
La contestazione a fine gara degli ultras del Rimini


stadio Romeo Neri di Rimini, il ricordo è dolce
rassegna stampa: articolo di LIBERTA' Rimini-FIORENZUOLA 1-3

venerdì 19 settembre 2014

Rimini Rimini

tutto l'US FIORENZUOLA 1922 protagonista a ZONA CALCIO trasmissione televisiva
Rimini Rimini anni dopo… correva il settembre dell’anno 1999, eravamo in serie C2 inseriti nel tanto contestato girone B (quello della trasferta di Sora, in Ciociaria).  Quarta di campionato, una delle tante nostre sfide di prestigio di allora, al Comunale per la prima volta il Rimini. Finisce male per i Rossoneri allenati dall’ex romanista Bruno Nobili. Cediamo di misura al più quotato avversario. Alberto Mantelli a Fidenza: Davide Ferrari, il forte centrocampista Calcagno, il pendolo di fascia mancina Franco Micco (nostro ex), Claudio Clementi (22 goal capocannoniere della C1 1994-95 con addosso la nostra maglia). Il portiere Marco Bizzarri incontrato anni dopo in Eccellenza nella Dorando Pietri. Al ritorno, al “Neri” doppietta di Neri, sempre lui, per i romagnoli allenati da mister Marco Alessandrini, tecnico che sembrava in procinto di sedere sulla panchina del Fiorenzuola 1998-99 nell’anno della collaborazione del Genoa, quando sotto le direttive del diesse Caradonna arrivò in Valdarda in blocco mezza Fermana. Poi altri due precedenti risalenti alla stagione 2001-02 una delle più tristi della nostra storia: Fiorenzuola-Rimini 1-2 alla seconda di campionato. In gol per i baby Rossoneri di Fabio Querin il giovane difensore sardo Riccardo Balzano. Al ritorno, in riva all’Adriatico sogni illusori di fare risultato. Sull’uno a uno segnato dal giovane Livi per noi, risponde subito su rigore l’attaccante Di Nicola (per lui doppietta) la sfida termina 2-1 per i padroni di casa. 
Us Fiorenzuola 1999-2000
Matteo Brighi, bomber Maurizio Neri, il compagno di reparto di
Domenica si torna dopo tanti anni al glorioso stadio "Romeo Neri" ci è passata di mezzo la serie B e anni di grossi problemi societari per i padroni di casa. Con quelle casacche con i classici quattro "scacchi" bianco e rossi giocavano sul terreno di gioco di domenica calciatori del carisma di Paolo Sollier e Nello Saltutti. La sfida è per noi fra le più difficili del campionato perché faremo visita ad una delle pretendenti al primo posto. Ma è una sfida di prestigio che riempie di orgoglio. Non ci sarà Daniele Pizzelli in campo. Il centrocampista Fiorenzuolano scese in campo nei due ultimi precedenti del 9 settembre 2001 e del 13 gennaio 2002. Dopo la retrocessione dalla Lega Pro l’intento sembra quello di ottenere subito la risalita in serie C. Le altre punte Masini e Manuel Pera quest’ultimo dalla Toscana. Giuseppe Gambino che per chi non lo sa è un prodotto del settore giovanile del Fiorenzuola che proprio nella stagione 1999-2000 nella quale il Rimini era nostro avversario esordi in prima squadra. La Sampdoria lo vide e se lo portò via nell’estate successiva. Oggi all’età di trent’anni il ragazzo di Agrigento è un attaccante affermato, fra i più temuti in serie D. 21 goal l’anno scorso nelle file del Brindisi. Se c'è : Adrian Ricchiuti di Lanus (Argentina) autore del gol realizzato a Gigi Buffon in quel Rimini-Juventus di serie B anno 2006. Dico se c'è perchè in campionato non l'ho mai visto nei titolari e nei disponibili. E poi Di Deo (ex Benevento) in mezzo al campo un calciatore di altra categoria. L'ultimo arrivato in casa Rimini per non lasciare nulla al caso: il centrocampista classe 1982 Bricca ex Arezzo. Dopo la rinuncia di Salvatore Campilongo (lo ricorderete spietato bomber della Casertana dei miracoli nella serie cadetta anni 90’ per motivi personali il timone è passato a Marco Cari: 58 anni di allenatore, tanta esperienza anche su panchine bollenti come quelle di Perugia, Taranto e Salernitana senza vittorie di campionati.
Arrivare a dover giocare a Rimini ed essere davanti a loro in classifica: chi l'avrebbe mai detto. Non ci illudiamo. I romagnoli sono reduci dalla sonora sconfitta contro l'Este (sorpresa del campionato a punteggio pieno). Tre a uno per i veneti con rete biancorossa proprio del nostro ex Gambino dal dischetto. I ragazzi di Cari hanno giocato in inferiorità numerica per quasi tutta la durata del match causa l'allontanamento dal campo di uno degli elementi di maggior esperienza: Francesco Di Maio. Auguriamoci l'assenza del forte difensore partenopeo che proprio domenica copirà 32 anni per bilanciare di poco i nostri grossi problemi di formazione. Sessi è stato espulso della sfida contro il Formigine, Casisa e Vaccari sono ancora out e bomber Piccolo è uscito anzitempo per infortunio. Mister Mantelli sarà in tribuna. Insomma ci aspetta una sfida complicata contro un avversario forte e voglioso di riscatto davanti al proprio caldo pubblico nella cornice di uno stadio dove solo pochi anni fa si disputava la serie B. 
CORAGGIO FIORENZUOLA!


I PRECEDENTI fra FIORENZUOLA e RIMINI

Campionato serie C2 - 5.a Giornata - 3.10.1999
FIORENZUOLA-RIMINI 0-1 (0-1)
Fiorenzuola : Bertaccini, Lauretti, Piciaccia, Conca, Marcucci, Gorrini, (79’  Mello), Di Matteo, Speranza, Lauria, Consonni, Liberti (61’ Mantegazza). A disp. : Tassotti, Della Bianchina, Rizzi, Flauto, Pizzelli. All. : Bruno Nobili.
Rimini : Bizzarri, Ballanti, Micco, Striuli, Ferrari, Civero, Calcagno (77’ Masini, Brighi, Neri, Torre (85’ Carrara), Pittaluga (61’ Mauro), A disp. : Cofano Tentoni, Gasperoni, Mussoni All. Marco Alessandrini.
Rete : 5’ Calcagno
Arbitro : Andrea De Marco di Chiavari (GE).

Campionato serie C2 - 22.a Giornata - 20.2.2000
RIMINI - FIORENZUOLA 2-0 (1-0)
Rimini : Bizzarri, Ballanti, Micco, Cecchi (70’ Mauro), Civero, Ferrari, Striuli, Brighi, Neri (81’ Pittaluga), Torre (83’ Gasperoni), Clementi. All. Marco Alessandrini
Fiorenzuola : Morrone, Lauretti, Medda, Di Matteo, Marcucci (81’ Grossi), Gorrini, Pelliccia (45’ Giannascoli), Caminati, Luciani, Consonni (77’ Mello), Lauria. All. Nobili.
Reti: 39’ e 80’ Neri
Arbitro : Angrisani di Salerno.

Campionato serie C2 - 2.a Giornata - 9.9.2001
FIORENZUOLA-RIMINI 1-2 (0-1)
Fiorenzuola: Fumagalli, Gorrini, Sabato, Berardo, Mileo (28’st Frisenda), Balzano, Pizzelli (37’ st Cassaro), Melizza, Mello (35’ st Impreso), Parma, Luciani. A disp. Ironi, Sessa, Lanati, Pugliese. All. Querin.
Rimini: Bizzarri, Bucchi (40’ st Nanni), Mussoni, D’Angelo, Caverzan, Cipolli (12’ st Favi), Bordacconi, Di Terlizzi, Antonioli (23’ st Dosi), Di Nicola, Micchi. A disp. Bianchi, Masi, Lunardini, Semprini. All. Franco Bonavita
Reti : 13’ pt Micchi, 4’ st Balzano, 25’ st Bordacconi
Arbitro : Padovan di Conegliano Veneto

Campionato serie C2 - 19.a Giornata - 13.1.2002
RIMINI-FIORENZUOLA 2-1 (0-0)
Rimini: Bizzarri, Mastronicola, Caverzan, Di Giulio, Donadoni, D’Angelo, Favi (31’ st Mussoni), Brighi, Di Nicola, Antonioli (37’ st Nanni), Micchi. A disp.: Casalboni, Bucchi, Paglialonga, Lunardini, Masi. All.: Claudio  Foscarini.
Fiorenzuola: Fumagalli, Ciceri, Di Francia, Mileo, Berardo, Sabato, Mello (36’ st Pizzelli), Ferrari I, Merloni (42’ pt Livi), Luciani, Parma  (22’ st Pugliese). A disp.: Ferrari II, Agostinelli, De Falco, Fragiello. All.: Marco Bozzi.
Reti: 43’ pt Di Nicola, 10’ st Livi, 12’ st Di Nicola (rig.).
Arbitro: Di Renzo Carlo di Ostia.
Espulso: 13’ st Mileo per proteste

Fonte: http://digilander.libero.it/riminicalciostoria0/FIOR.htm


mercoledì 17 settembre 2014

FIORENZUOLA-Formigine 1-0 Luca Franchi

FRANCHI-GOAL : 3 punti davvero importanti, GRAZIE RAGAZZI!
sentirete parlare di lui:
Marco Valizia !
Rossoneri uniti e combattivi, Rossoneri vincenti contro un ostico Formigine. Dopo tanto lavoro seminato i tre punti cadono come frutti maturi fra le braccia dei ragazzi di Alberto Mantelli allo stadio Comunale nel turno infrasettimanale valido per la terza giornata del campionato di serie D. Sono 3 punti davvero importanti, i primi della stagione, ottenuti dopo gli “sfortunati” pareggi contro Thermal Abano e Jolly Montemurlo. Contro il Formigine in casa non avevamo mai vinto. Nonostante la sola marcatura del Fiore e' stato un pomeriggio ricco di emozioni. Il gioco e le voglia di vittoria dei Rossoneri sono andati a sbattere contro la vena prodigiosa dell'estremo difensore ospite nel mercoledì della sfida dei portieri-prodigio. Per superarla si è dovuto faticare tanto. Dicevamo della sfida fra numeri uno emergenti. Entrambi classe 1995 (ma quanto sto invecchiando io!?). Da una parte il nostro Marco Valizia dall'altra un certo Matteo Oppici. Un nome che dalle nostre parti non è nuovo, il nome di un ragazzo che non so il perchè si esalta sempre contro di noi al Comunale.
Il primo intervento miracoloso è del guardiano di San Damiano al Colle: il nostro Valizia. Dal dischetto si presenta lo specialista De Vecchis dalle Marche, tatuaggi e ciuffo ribelle a cercare di intimorire Marcone che acciderbolina con un balzo felino dei suoi si toglie una grossa soddisfazione e salva i compagni. La risposta a specchio di Oppici arriverà nella ripresa sul secondo penalty fischiato al Fiorenzuola. Il primo passa per il vantaggio Valdardese, il secondo calciato sempre da Luca Franchi no. Il portierone modenese manterrà i suoi in gioco per tutto il match con deviazioni davvero spettacolari. In tribuna ci sono nostri grandi ex ad ammirare i Rossoneri: Andrea Ciceri e Simone Cerati. Viste le assenze di Sessi (ha rimediato un cartellino rosso), Casisa e Vaccari se si potesse contare su uno dei due per l’impossibile trasferta di Rimini. Vedremo cosa Mantelli si inventerà. Ma torniamo a noi: Fiorenzuola-Formigine, non era solo la sfida dei portieri ma anche quella degli allenatori. Due ex compagni di squadra ai tempi del Trento di Alberto Cavasin. Da una parte un roccioso difensore: il nostro Mantelli che scaldava i riflessi tirando calci rigori a Francesco Toldo in allenamento. Dall’altra parte, in piedi nei pressi della panchina riservata agli ospiti, un attaccante: Davide Belletti. Come spesso accade: la partita d'attacco l’ha fatta la squadra allenata dall'ex difensorone, la partita sulla difensiva la squadra del compagno bomber. Ecco uno dei tanti nonsense del giuoco più bello del mondo. In più la sfida “curiosa” dei n°4 Petrelli contro Perelli. La partita è davvero piacevole: combattuta, viva. Un gol per noi da difendere, quello realizzato da Luca Franchi, il primo sui sigillo della stagione 2014-15. Serve sbloccarsi. Incasellare la prima vittoria. Metteteci lo spirito di sacrificio di un gruppo davvero unito del tipo: o tutti o nessuno, o non si cede un centimetro. Metteteci questa voglia matta di fare punti, metteteci la generosità di calciatori come: Michele Piccolo, Franchi stesso ed Ettore Guglieri, solo per fare un paio di nomi, metteteci il cuore di un capitano come Dennis Piva coadiuvato da un grande Petrelli e il gioco e' fatto. Alberto Mantelli nella seconda parte del match (già da) SALVEZZA sembrava giocare in campo con i suoi, i nostri disposti alla perfezione. Spalla a spalla, gomito a gomito. E’ costata un espulsione, la prima dal settembre 2012, quando è iniziata la sua esperienza vincente sulla panchina del Us Fiorenzuola. Si è  sofferto si, soprattutto nel finale, e parecchio, ma sono quelle sofferenze che possono fare bene. Tengono alta la tensione, ti fanno ragionare in allenamento sugli errori da correggere, da limare.
I tre punti eccoli qua, meritati. GRANDE Fiorenzuola 1922. GRANDE.

DENNIS PIVA bada al sodo, prestazione superba del capitano
i giovani d'oro dell'Us Fiorenzuola combattono a centrocampo: Donati, Pighi e Mazzoni
FIORENZUOLA-FORMIGINE 1-0
FIORENZUOLA: Valizia, Donati, Fogliazza, Petrelli, Piva, Mazzoni (76’ Ratti), Pighi (66’ Masseroni), Sessi, Franchi, Piccolo (71’ Lucci), Guglieri.
A disp.: Comune, Legrenzi, Campana, Caporali, Vaccari.
All.: Alberto Mantelli.
FORMIGINE: Oppici, Casini (55’ Dallaglio), Essel, Perelli, Bevoni, Alessandrini, Hoxha (72’ Puglisi), Caselli, De Vecchis, Artiaco (61’ Galiera), Franchini.
A disp.: Toni, Maletti, Benedetti, Pattuzzi, Monelli, Orlando.
All.: Davide Belletti.
Arbitro: Sig. Mattia Dal Pan di Belluno (Collaboratori di linea: Sig. Marco Latifondi di Bassano del Grappa e Sig. Matteo Campagnolo di Castelfranco Veneto).
Reti: 35' Franchi (r.
Ammoniti: 22’ Bevoni (FO), 26’ Fogliazza (FI), 34’ Casini (FO), 80’ Perelli (FO), tutti per gioco falloso.
Espulsi: 88’ Sessi (FI) per grave intervento falloso, 91’ Mantelli (tecnico Fiorenzuola) per proteste.
Note: giornata nuvolosa, terreno in buone condizioni, spettatori 250 circa.





lunedì 15 settembre 2014

Jolly e Montemurlo-FIORENZUOLA 0-0

Torniamo dalla prima trasferta in Toscana con un punto che fa classifica e morale. Sul piccolo rettangolo di gioco sintetico di Oste Montemurlo (Prato) impattiamo per zero a zero. Rossoneri alla temuta trasferta di Montemurlo fortemente rimaneggiati. Mister Mantelli deve fare a meno di bomber Franchi (in panchina), dell'esperienza di Peppe Casisa a centrocampo, e dell'apporto del convalescente 1995 Vaccari con un Lucci la davanti non in perfette condizioni. Mute speculari: casacca nera con inserti orizzontali per noi, strisce orizzontali bianco-rosse per gli sfidanti (simile a quella vintage del Cuneo di Barlassina (ricordi di anni 90'). Dal primo minuto in campo il giovane fiorenzuolano Mazzoni per sopperire all'assenza di Casisa. E pensare che le cose si erano messe davvero bene con un Fiore senza remore fin dalle prime battute e locali in dieci per l'espulsione dell'estremo difensore Biagini. Episodio chiave al 16' quando il numero uno bianco-rosso tocca la sfera di mano fuori dall'area di rigore. Il direttore Moriconi di Roma non può astenersi dall'applicare il regolamento. Montemurlo in inferiorità numerica con Di Vito sacrificato per colmare il vuoto lasciato fra i pali.
Andrea Lucci e Ettore Guglieri impegnano severamente la retroguardia montemurlese ma le risposte del numero 12: Yuri Gelli sono state davvero prodigiose. Il portiere trentanovenne, dalla folta chioma, proprio originario della cittadina pratese ha salvato il risultato per i suoi.
E' proprio il caso di dirlo mai dire mai, come quando entra in campo il secondo portiere, e pensi sarà di certo una ciofeca e invece ti trovi davanti uno come Gelli a guastare i piani.
E così nonostante la superiorità numerica ed il gioco non riusciamo a schiodare il risultato a nostro favore. Risultato ad occhiali in Toscana che alla vigilia ci avresti fatto più che un pensierino per farci la firma.
Portiamo a casa un punto dunque che ci sta un pò stretto per come si era messo il match al "Ado Nelli" ma che comunque come detto in precedenza fa classifica e morale. La continuità è fondamentale per il raggiungimento di un obiettivo come la Salvezza. Il campionato 2010-11 quello raddrizzato durante il percorso con William Viali alla guida tecnica. Quello dei tanti punticini messi uno dietro l'altro ne è testimonianza. Si sapeva che sarebbe stata una trasferta piena di insidie ma i Rossoneri hanno saputo affrontarla con la mentalità giusta e questo è un buon segnale. Buono il debutto del giovane Filippo Maria Donati sulla corsia di destra. Bene anche il ritorno al centro della difesa di Andrea Petrelli a far copia con capitan Piva, e titolare dal primo minuto Marco Fogliazza per un pacchetto arretrato di maggiore esperienza. E' mancata l'ultima zampata come nella gara di esordio contro il Thermal Abano. Siamo certi però che presto arriverà la precisione e la lucidità sotto porta. E con i recuperi definitivi di Luca Franchi, Casisa, Vaccari e Pizzelli potremo avere maggiore qualità e peso offensivo.

ARRIVA IL FORMIGINE, TURNO INFRASETTIMANALE - Già da mercoledì abbiamo la possibilità di tornare alla ricerca dei primi 3 punti senza assilli e smanie controproducenti. Ci viene a far visita il Formigine allenato dall'ex Correggese e ex attaccante del Trento anni 90' Davide Belletti. I modenesi sono reduci da un pareggio e una sconfitta. Domenica i blu-verdi hanno dovuto arrendersi in casa alla Correggese. 2 a 3 per i reggiani il risultato finale con le reti dell'attaccante marchigiano Alessio De Vecchis (ex Piacenza e Virtus Castelfranco) e del talentuoso baby-attaccante Matteo Galiera prelevato dalla Primavera della Pro Vercelli. Nelle file dei prossimi avversari ci sono calciatori che conosciamo bene: il forte portiere Matteo Oppici e l'attaccante Nicolò Dall'Aglio sbarcati in estate rispettivamente dal Colorno e dalla Sampolese, l'esterno offensivo albanese Judmir Hoxha nostro avversario l'anno scorso nelle file della retrocessa Arcetana. Attenzione alle incursioni aeree del difensore Bevoni, classe 1989 ex Imolese. Formigine è per noi ricordi vissuti nei campionati di Eccellenza di qualche anno fa: Sasà Greco, le interperanze con i modenesi, ecc. L'ultima volta del Formigine a Fiorenzuola risale alla stagione 2006-07 due a due beffardo con le reti del grande Sandro Melotti e di Marco Dallagiovanna. Il Formigine è un avversario alla nostra portata che sicuramente cercherà di fare punti pesanti in Valdarda. Dopo la gara interna contro i modenesi andremo a far visita al Rimini per un match di grande prestigio a culminare una settimana davvero molto intensa.
L'appuntamento è per :
MERCOLEDI 17 SETTEMBRE, ore 15: FIORENZUOLA-FORMIGINE.

Pietro Pighi in azione (foto Paolo Parisi)
Adil Mezgour controllato dai nostri Alesadro Mazzoni e Dennis Piva (foto Paolo Parisi)
JOLLY MONTEMURLO-FIORENZUOLA 0-0
JOLLY MONTEMURLO: Biagini, Olivieri, Lamma, Lulja, Raimondo, Mazzanti, Di Vito (17' pt Gelli), Lepini, Mezgour; De Gori (44’ st Sardini), Giovannelli (40’ st Lenzi). All. Settesoldi
FIORENZUOLA: Valizia, Donati, Fogliazza, Petrelli, Piva, Mazzoni (37’ st Ratti), Pighi (20’ st Masseroni), Sessi, Piccolo, Lucci (17’ st Franchi), Guglieri. All. Mantalli
Arbitro: Moriconi di Roma
Note: 250 spettatori circa. Espulso: Biagini al 16' pt.
Ammoniti: Lulja, Lepini, Petrelli.
Angoli: 4-3.
Alessadro Sessi lotta a centrocampo (foto Paolo Parisi)


bomber Michele Piccolo contrastato da un avversario (foto Paolo Parisi)
Attenta la prestazione di Marco Fogliazza (foto Paolo Parisi)
Azione convulsa nei pressi di Marco Valizia (foto Paolo Parisi)