martedì 22 settembre 2015

La scienza esatta. Caravaggio-Fiorenzuola

LORENZO REGGIANI difensore centrale Rossonero, fra i migliori in campo contro la Pro Sesto
Contro la Pro Sesto è arrivata la seconda sconfitta. Bene il primo tempo dove si è visto in campo un Fiorenzuola unito e compatto capace di reggere i quotati avversari e di andare vicino al vantaggio con una zampata di Fausto Ferrari, ma il talentuoso portiere Perniola, un 96' ha fatto il miracolo. Nella ripresa le forze e le idee sono calate, e gli azzurri di Oscar Magoni hanno preso in mano le redini del gioco con quei due pelati a centrocampo a far girare una squadra attrezzata e ben messa in campo. Non nomi ma gente di categoria: Brognoli un 82' dai piedi ottimi che corre come un 2002 e il mezzo africano Labiri, due nomi su tutti. Poi Fall (in love) attaccante 1997 di colore, che in area non cade mai, ma fermarlo sembra impossibile e sentiremo parlarne di certo di lui prossimamente e l'attaccante sconosciuto Castagna partito dalla panchina come un signor "nessuno" hanno assestato i colpi decisivi. E così la maledizione, i corsi e ricorsi della storia si sono ripetuti. Come nel 1986,alla quera giornata, la Pro Sesto espugna di misura il campo dell'ambizioso Fiorenzuola (allora allenato da Aldo Jacopetti). La Pro Sesto chiuderà il campionato di Interregionale al primo posto.. vuoi vedere che... 
Fiorenzuola today. Esattamente un anno il blitz a sorpresa di Rimini, con 8 punti in classifica si gongolava. La musica sembra cambiata, squadra nuova, sincronismi da ritrovare. Ma ricordo rumbe del tipo di Fiorenzuola-Pavullese 1-3 con uno squadrone che si rialza e centra a fine anno l'obiettivo prefisso dalla società. Occorre quindi rimboccarsi le maniche e senza farsi prendere dal nervosismo cercare di tornare a fare punti, trovando passo a passo quella giusta quadratura e unità di squadra che ora manca. Purtroppo il calendario non è amico e il gioco del Calcio non è una scienza esatta anzi, spesso e volentieri è l'esatto contrario. Le vittorie si costruiscono nel tempo. Due anni e mezzo c'erano voluti per costruire il ciclo vincente che ci ha fatto tornare in serie D. A fine gare ce chi evocava tristi tragicomici ricordi di nomi folli, campioni incompresi in maglia Rossonera: Titti Ascagni, Pircher (ma colpa di un ginocchio Ballerini il cuore ce lo metteva), Lunini-Giordano. Ma qui è più una questione di squadra, ed è presto a parere mio per trarre conclusioni. Lunedi a bocce ferme Francesco Volpe ha parlato bene. Se Fox riesce a entrare e a giocare in questo gruppo, assestando i suoi colpi da fuoriclasse, ripartiamo di slancio. E poi c'è Fausto Ferrari che è capace di tenere su l'attacco da solo, vedere la porta, ha mostrato grandi numeri con soli due palloni giocabili ricevuti. Ha parlato bene anche Dennis Piva a Telelibertà nelle chermesse del lunedi sera sportivo piacentino (Zona Calcio): "Non sapete quanto vorrei superare questo momento delicato. Io sento questa maglia come una seconda pelle. Sapete qual è il mio grande sogno? Portare in Lega Pro il Fiore e appendere le scarpe al chiodo”. Queste sono parole da capitano vero.
A Cara-vaggio, Caradonna e Salvalaggio non ci saranno ma ci sarà un gruppo di calciatori responsabili che faranno di tutto per non perdere, ne sono certo.
Ora ci tocca la trasferta di Caravaggio, che è un ricordo triste. La sconfitta maturata nella primavera del 2010 costò l'esonero di Massimo Perazzi. Al suo posto fu invitato Natalino Gottardo. Perdemmo il posto in serie D alla lotteria dei play-out del girone B Lombardo, come meglio piazzati rispetto agli avversari della Caratese. Una birra gelata al banco del bocciodromo con Golia per dimenticare. Ricordi tristi di un recente passato. Sarebbe bello riscattare quella domenica in questo periodo un pò così. Il Caravaggio di oggi non ha i tanto amati gemelli Arena, ma un regista di esperienza e qualità quale Roberto Sandrini. Il ragazzo di Asola vestì la maglia del Fiorenzuola la giovanissimo, con le prime vere esperienze da calciatore alle dipendenze di mister Luigi Galli, dopo il settore giovanile nella Cremonese. Poi c'è Longo e in attacco Ciro De Angelis in goal domenica contro il Sondrio. A Caravaggio, il nostro Matteo Girometta (ha colpito la traversa domenica) tornerà da grande Ex e mister Alberto Mantelli invece ritroverà un ex compagno di battaglie dei tempi di Trento: Roberto Romualdi è il tecnico dei bergamaschi allievo ai tempi di Alberto Cavasin e Foscarini. Il suo Caravaggio sfoggia un punticino in più di noi. SI PUO' FARE..?

giovedì 17 settembre 2015

Sfida di prestigio, arriva la Pro Sesto

il francese ANTOINE KISAKU ha debutto a Mapello con la maglia del FIORENZUOLA
Da quanto tempo manca una capatina al Comunale della Pro Sesto? Troppo ..ma rimando a dopo i bellissimi ricordi del passato del nostro Fiorenzuola per raccontare quanto accaduto ieri.
IL PAREGGIO AD OCCHIALI DI MAPELLO : Dopo la sonora sconfitta di Ponte San Pietro, l'appuntamento infrasettimanale di Mapello rappresentava una tappa interessante per misurare, o meglio accertare se siamo affetti da mal di trasferta. Alla fine, in quel Mapello è andata bene. Fortemente rimaneggiati siamo riusciti comunque a fare una buona gara, tornando a casa con un punto che fa morale e muove la classifica. p.s.: il Pontisola nel frattempo è andata a espugnare Seregno. Ma guarda te.. Contro il MapelloBonate, senza i centrocampisti Sessi e Orlandi (squalificati), l'infortunato Volpe e con Piva non ancora del tutto recuperato, ma presente in campo, Mister Alberto Mantelli ha varato la linea verde rinunciando, forse in vista del delicato match di domenica anche ai due bomber più quotati, i vecchietti: Fausto Ferrari e Elvis Abbruscato. E così spazio al francesino Antoine Kisaku ex Marsiglia (non Marsaglia e nemmeno Marzaglia) al debutto assoluto nel calcio italiano a dare manforte in attacco a Matteo Girometta e dentro il centrocampista fiorenzuolano Pietro Pighi che aveva fatto tanto bene la passata stagione. In mediana si è rivisto Andrea Petrelli, zona del campo dove è nato calcisticamente ma non tutti lo sanno. Un buon 0 a 0 da cui ripartire, e non chiamateli più vecchietti quei due di prima, perchè siamo certi che la loro professionalità e la voglia di dare tanto non tarderanno, lasciando un segno anche in questa avventura Rosso-nera.
L'AVVERSARIO : La Pro Sesto e quello sponsor che è lo stesso di vent'anni fa. Gigante. In attacco hanno un vecchietto più vecchietto dei nostri: il classe 1978 Battaglino nostro avversario ai tempi di Renate. E' arrivato dal Seregno (un ritorno) assieme al compagno di reparto Alessandro Comi e al cavernicolo classe 1983 Alessandro Cortinovis. Dunque per non saper ne leggere ne scrivere e andar sul sicuro gli azzurri hanno portato a casa un pezzo di Seregno che ha sfiorato la C lo scorso anno. A centrocampo spiccano Omar Labiri e Davide Tonani. L'allenatore è Oscar Magoni ex calciatore paladino dell'Atalanta, che qualche anno fa allenava in serie C il nostro Lorenzo Ratti alla Sanbonifacese. Da calciatore lo ricordo in una fredda domenica di febbraio, di sole, con la maglia candida del Leffe su un Comunale innevato a battagliare a centrocampo contro macho Mazzi. Bei tempi. La Pro Sesto non ci faceva più visita dal campionato di serie C2 annata 2000-2001. Penultima di campionato, ingresso gratuito dice una nota del mio sussidiario di bellissima storia di calcio vero vissuta a Fiorenzuola. Pareggio: 2-2, con reti del lodigiano scuola Juve: Luca Dosi e del laterale veneto scuola Milan: Eugenio Nicoletti su calcio di rigore. Quel Fiorenzuola allenato prima da Bobo Maccoppi e poi dal bresciano Stefano Bonometti perse i play-out contro il Novara di Civeriati. Retrocessione in serie D sventata da una perentoria domanda di ripescaggio dell’allora presidente Antonio Villa. Sono 8 i precedenti contro la Pro Sesto, in Valdarda: due successi, due sconfitta e quattro pareggi.
FIORENZUOLA-PRO SESTO, I PRECEDENTI : La prima volta, nel campionato di Prima Categoria lombarda 1961-62 Rossoneri sconfitti di misura, in gol per gli azzurri: Dadda. Nel Fiorenzuola c’era il portiere Zappieri, il difensore Face e poi Montescani, Preti e Gambazza. Poi nell’Interregionale 1986-87 con i sestesi ad espugnare il terreno del Comunale alla quarta di campionato. Quella Pro Sesto di mister Alfredo Spada vincerà il campionato. In Coppa Italia nel 1990 pareggio per uno a uno con goal del toscano Stefano Sodero (che meteora). Quella partita si giocò alla Galleana di Piacenza per l’indisponibilità del Comunale per lavori in corso di costruzione della gradinata. Poi nell’annata 1993-1994 sul finire del campionato di serie C1, pareggio con rete di bomber Giovanni Rossi (ha fatto carriera: ex dirigente di Juventus e Sassuolo oggi). L’anno successivo va decisamente meglio con la zampata di Trapella, e la doppietta di Claudio Bellucci futuro bomber affermato di Samp, Napoli e Bologna. Nella stagione 1995-96 per la Befana ne diamo 4 alla Pro Sesto sotto la neve (in gol le grandi firme: Cristiano Scazzola, Claudio Nitti, Claudio Clementi e Omar Milanetto). Ci rivediamo anni dopo in serie C2 1998-99, per l’antivigilia di Natale, era un mercoledi pomeriggio di cielo terso e ghiaccio. Uno a uno con rete di capitan Piero Ferraresso per il Fiorenzuola allenato da Bruno Nobili. In quella partita fece il suo debutto il portiere fiorenzuolano Jonathan Zappieri che allena nelle giovanili oggi.
DOMENICA 20 SETTEMBRE : Nel Fiorenzuola di domenica, si spera di rivedere Francesco Volpe (troppo importante), e di vedere i primi goal di Ferrari e Abbruscato (abbrustoliamo le tappe, si). Scherzo. L'importante è vincere, e vincere contro una vecchia amica come la Pro Sesto, sarebbe ancora più bello. Ci sarà finalmente anche Emanuele Orlandi, giocatore monstre del calcio estivo Rosso-nero. Un esterno ambidestro scuola Milan che senz'altro non farà come Eugenio Nicoletti, delusione della stagione 2000-01. E poi c'è l'occasione di fare del bene in quanto l'incasso del match infatti sarà interamente devoluto alle società Polisportiva BF Bettola e Travese colpite dal terribile nubifragio di domenica 13 settembre in cui hanno perso campi da calcio e tante altre cose care. Passa parola.
Sai che il nostro Ettore Guglieri è di quelle parti? Di Farini d'Olmo? Quelli come il Guglie, quelli di quelle parti non mollano mai..
Dispacci, presentazioni delle partite del Fiore così lunghi non mi verranno più. Tutti al Comunale Domenica 20 Settembre per vivere di qualcosa di semplice, genuino e veramente bello. Fiorenzuola-Pro Sesto.
FORZA US FIORENZUOLA !
ETTORE GUGLIERI alla seconda stagione nel FIORENZUOLA

martedì 15 settembre 2015

Saluto a Erminio Ferrari

US FIORENZUOLA Anno 1983. Erminio Ferrari: il terzo da sinistra negli accasciati
ERMINIO FERRARI ha lasciato i suoi cari all'età di 58 anni.

Padri e nonni Fiorenzuolani non possono aver dimenticato il ricordo da calciatore di Ferro, colonna e anima dell'US Fiorenzuola anni 80' che si apprestava a raggiungere il culmine della storia nei seguenti anni 90'.
Erminio Ferrari ha vestito la maglia Rosso-nera per otto campionati arrivando a disputare l'Interregionale. Faceva parte della nutrita "colonia cremonese" che aveva fatto sognare i sostenitori Rosso-neri e che era composta dall'attaccante Bresciani, il funambolico Puerari, e poi il pittore Fayer, bomber Danilo Bertelli, Inverni e Degani tutti grandi compagni di calcio e di vita del compianto Erminio.

I funerali avranno luogo oggi mercoledì 16 settembre alle ore 10 partendo da via G. Mazzini, 25 in Torre de' Picenardi, per la Chiesa ed il Cimitero locale.


ELOGIO DI ERMINIO FERRARI (clicca per leggere) Storia calcistica di un instancabile uomo

Storia del MEMORABILE CAMPIONATO di Promozione 1982-1983 (clicca per leggere) che non era la Promozione di oggi.

Seconda trasferta consecutiva nel bergamasco

FRANCESCO VOLPE, il Fiorenzuola ha bisogno della sua qualità per ripartire.
Dopo la battuta d'arresto di Ponte San Pietro, siamo chiamato ad un altro appuntamento lontano dalle mura amiche del Comunale. Trasferta ravvicinata ancora in terra orobica, per il turno infrasettimanale di mercoledi 16 settembre (ore 17:30).
Ad ospitarci il MapelloBonate reduce dal pareggio di Sondrio, in goal Gabellini. Il direttore di gara designato è Daniele Perenzoni di Rovereto. I lombardi hanno messo a segno due pareggi fino ad ora e sono alla ricerca della prima vittoria in campionato.
Squadra molto giovane quella allenata da Marco Villa (ex calciatore di serie A all'esordio), ma da non sottovalutare. La trasferta di Ponte San Pietro ha testimoniato quanto sarà dura portare a casa punti contro queste compagini attrezzate e molto determinate.
Nessuno si aspettava una sconfitta con un passivo così grande per i Rossoneri contro il Pontisola (3-0). E invece è arrivata, inattesa per molti, alla seconda giornata di campionato. Quando accadono cambiamenti a sorpresa sono cose che possono succedere. Ora starà ai ragazzi di mister Mantelli riprendersi. Tre scoppole all'inizio possono servire di lezione per lavorare ancora più sodo e scendere in campo con la massima concentrazione sempre. Ritrovare la forza del gruppo che ci ha contraddistinto in questi ultimi anni per ripartire forte.
Sessi domenica ha rimediato un cartellino rosso. In difesa, da verificare le condizioni di capitan Dennis Piva alle prese problemi al polpaccio. L'ultimo arrivato in casa rosso-nera Elvis Abbruscato potrebbe fare capolino ancora in panchina, per entrare in campo se necessario, come è accaduto domenica contro il Pontisola.


venerdì 11 settembre 2015

Trasferta a Ponte San Pietro. Abbruscato in Rossonero

ANDREA PETRELLI e la sua prima volta da Capitano del FIORENZUOLA
Prima trasferta dell'anno al Legler di Ponte San Pietro per i Rossoneri che faranno visita ai blues del Pontisola. Trasferta insidiosa, contro una squadra giovane allenata da un tecnico di provata esperienza, l'ex professionista Marco Gaburro. I bergamaschi, reduci dalla sconfitta di misura di Sesto San Giovanni vorrano trovare subito la via del riscatto. Attenzione all'attaccante Tommaso Lella, classe 1988, arrivato in estate dall'Inveruno dove ha messo a segno nella scorsa serie D 14 goal. Lella farà copia con il mantovano Nardi portato da Gaburro dal Seriate. Il tecnico veronese ha allenato per 4 anni a Seriate per poi accettare in primavera la proposta del Pontisola. Gaburro è affiancato da Andrea Quaglia ex calciatore, nostro avversario ai tempi di Virescit Bergamo e Brescello. Bellissima la storia professionale di Marco Gaburro che iniziò da allenatore della squadra dell'oratorio di Pescantina per poi arrivare ad allenare in serie C. I pali della difesa avversaria saranno difesi da un ex compagno di squadra del neo-bomber Rosso-nero Abbruscato al Feralpi Salò è il classe 1996 Vaggè. Pontisola, e il sogno della serie C sfumato solo qualche anno fa, con tanti campionati recenti si serie D chiusi appena al secondo e al terzo posto. Pontisola è ricordata prima della fusione, come storica rivale (il Ponte San Pietro) negli spietati spareggi a 3 dell'anno 1983 che segnarono lo storico approdo del Fiorenzuola di Masi nel campionato di Interregionale. Sono due i nostri precedenti in anni recenti contro il Pontisola: un 1 a 1 nel gennaio del 2010 con una rete su rigore di Chiurato e una sconfitta per una rete a zero sul finire della stagione 2011-12, quella della retrocessione in Eccellenza.
In Valdarda, la bella vittoria contro la Grumellese non deve illudere. Capitan Dennis Piva è in forte dubbio. Alle prese con il problema ad un polpaccio, non è ancora tornato ad allenarsi a pieno regime. La linea difensiva potrebbe dunque essere quella vista in campo al debutto di campionato: Petrelli e Fogliazza centrali. Non sarà della partita nemmeno Emanuele Orlandi. Il forte centrocampista ex Milan sarà a disposizione solo dalla gara interna contro la Pro Sesto, in programma domenica 20 settembre. Domenica, ha impressionato molto la personalità del giovane Sergio Corso in mediana e fame agonistica e tecnica di Ettore Guglieri. Bello vedere la fascia di capitano al braccio del salsese Andrea Petrelli, da tre anni a Fiorenzuola a combattere ogni domenica con anima, polmoni e tanto cuore. E poi i due lampi degli ex Piace Francesco Volpe e Matteo Girometta a dare la prima grande soddisfazione ai sostenitori fiorenzuolani e alla società. Girometta bomber a tutto campo, cosa è mancata nell'ultima stagione, con un Fausto Ferrari che sta ritrovando la condizione e ora in più abbiamo Abbruscato degno sostituto di Andrea Lucci che dopo tanti anni in RossoNero ha deciso di trovare nuovi stimoli nel campionato di Eccellenza, in una realtà dove di certo sarà protagonista assoluto e con maggiori responsabilità. A Fiorenzuola si è vissuta una settimana particolare e a Bergamo lo sanno. Sembra di essere tornati agli anni d'oro della presidenza Villa-Bricchi (sto sognando ad occhi aperti? datemi dei pizzicotti). Fiorenzuola, un ambiente che da anni era abituato alla calma piatta, scosso dalla partenza a sorpresa di una bandiera come Lucci e dell'arrivo di un calciatore di grande spessore fortemente voluto in primis dal vulcanico presidente Roberto Pighi. La speranza è che queste novità non abbiano influenzato la preparazione alla gara di domenica, che la concentrazione sia rimasta al massimo. Quest'anno, questa serie D, questo ambiente, richiedono un'ulteriore crescita professionale da parte di tutti. Essere calciatori professionisti con l'impegno professionale e l'umiltà che ci ha contraddistinto in questi ultimi anni. FORZA US FIORENZUOLA CALCIO!

Colpo ABBRUSCATO: la prima intervista e il primo allenamento
Ieri è stato il giorno della firma di Elvis Abbruscato, e del primo allenamento agli ordini di mister Mantelli.
Da un carnieri di nomi importanti (Amodeo, Docente, ecc.) alla fine è arrivato l'accordo con l'attaccante più quotato.
ABBRUSCATO Oltre a essere un calciatore di fama, è diplomato in ragioneria, ha tre figli e fa parte della nazionale atleti di Cristo.
In estate era entrato nelle mire di vari club, tra cui la Sambenedettese e ultimamente si stava allenando ad Agrigento ma poi l'accordo con l'Akragas è sfumato.

Parole umili e di grande professionalità quelle del 34enne reggiano nella sua prima intervista a Telelibertà e ai quotidiani sportivi da attaccante Rossonero: 
US FIORENZUOLA CALCIO: Luca Baldrigni, Elvis Abbruscato e Roberto Pighi
Elvis Abbruscato assieme ai presidenti Luca Baldrigni e Roberto Pighi

giovedì 10 settembre 2015

Colpo di mercato: ELVIS ABBRUSCATO in Rosso-Nero


ELVIS ABBRUSCATO è un nostro nuovo attaccante. L'ex serie A va a rinfoltire la batteria di bomber Rosso-neri composta già da Girometta, Fausto Ferrari e Antoine Kisaku.
Solo due anni fa il bomber reggiano militava in serie A nelle file del Pescara di Zeman. Le 19 reti di Vicenza nel campionato di serie B 2011-2012 segnano il record personale di realizzazioni del neo attaccante di mister Alberto Mantelli.

ELVIS ABBRUSCATO
la carriera:
nato il 14/04/1981 a Reggio Emilia
1997-1998 Reggiana B - -
1998-1999 Reggiana B 2 -
1999-2000 Hellas Verona A 2
2000-2001 Hellas Verona A -
"/2001   Livorno  C1 11 1
2001-2002 Triestina C1 25 5
2002-2003 Hellas Verona B 18 2
2003-2004 Arezzo C1 35 20
2004-2005 Arezzo B 41 13
2005-2006 Arezzo B 26 10
"/2006   Torino B 16 4
2006-2007 Torino A 29 3
2007-2008 Lecce B 37 12
2008-2009 Torino A 10 1
2009-2010 Chievo Verona A 15 2
2010-2011 Vicenza B 42 19
2011-2012 Vicenza B 36 13
2012-2013 Pescara A 25 2
2013-2014 Cremonese C1 10 3
2014-2015 Feralpi Salo' C 15 4
2015-2016  FIORENZUOLA D ? ?









martedì 8 settembre 2015

Ciao ANDREA

indimenticabile ANDREA LUCCI
Andrea Lucci lascia il Fiorenzuola per raggiungere papà Settimio nel campionato di Eccellenza.
Non si dimenticano 6 campionati con la maglia Rossonera dove ha collezionato 170 presenze mettendo a segno 50 reti (escluse quelle di Coppa Italia). 
Miglior realizzatore Rosso-nero nella stagione 2012-13 con 19 gol. Protagonista della promozione in serie D del Fiorenzuola 2013-14 con mister Alberto Mantelli riscattando così la retrocessione in Eccellenza dell'annata 2012-13. Nato a Udine nel 1989 e cresciuto calcisticamente nel settore giovanile del Piacenza, Andrea che ha un'attività commerciale nel ramo della telefonia nel capoluogo della Valdarda lascia grandi ricordi a tutti i sostenitori Rosso-neri come calciatore e come ragazzo.

FUTURO Lucci lascia un vuoto nel pacchetto offensivo Rosso-nero. La società ha intenzione di mantenere un attacco atomico e così sta imperversando il Toto-bomber. Sfumata di un nulla la trattativa per portare a Fiorenzuola il professionista Emilio Benito Docente (accasatosi al Delta Porto Tolle), nella lista del Diesse Mariano Guarnieri sembrano esserci almeno tre nomi.
Emilio Docente firma con il Delta Porto Tolle Rovigo

venerdì 4 settembre 2015

Prima uscita di campionato: FIORENZUOLA vs Grumellese

per DENNIS PIVA capitano Rosso-nero sarà il decimo anno con la maglia de FIORENZUOLA
Domenica 6 settembre è in programma la prima uscita ufficiale in campionato del nuovo Fiorenzuola. I computer della Lega pochi giorni fa hanno stilato gironi e calendari. Sarà la neo-promossa Grumellese il primo avversario dei Rossoneri di mister Mantelli. I bergamaschi, sono al debutto in serie D, dopo la vittoria schiacciante del raggruppamento C dell'Eccellenza Lombarda nella passata stagione.
In casa Fiorenzuola c'è attesa per conoscere se il neo-attaccante Fausto Ferrari sarà nei convocati. Il bomber di Pavullo nel Frignano che conosce bene la serie D della realtà lombarda, ha da poco ripreso gli allenamenti dopo lo stop per affaticamento muscolare. Mancherà il forte centrocampista Emanuele Orlandi che deve scontare alcuni turni di squalifica rimediati nella gara di play-off contro il Delta Porto Tolle Rovigo, nella passata stagione. Potrebbero essere con molta probabilità l'undici schierato nel match amichevole di giovedì contro il Piacenza (2 a 1 per i biancorossi) a scendere in campo al Comunale per la prima del campionato di serie D 2015-16.
Nei ranghi dei giallo-rossi orobici ci sono elementi del calibro del difensore Tignonsini e degli attaccanti Tarallo e Spampatti. La Grumellese sembra avere grandi ambizioni. I presupposti per assistere ad un match avvincente sembrano proprio non mancare.

domenica 6 Settembre, stadio Comunale, prima di campionato:
FIORENZUOLA-GRUMELLESE

martedì 1 settembre 2015

il ritorno nel girone Lombardo


Stilati i gironi della serie D 2015-16.

GIRONE B: FIORENZUOLA, Piacenza, Bustese, Caravaggio, Caronnese, Ciliverghe, Ciserano, Grumellese, Inveruno, Lecco, MapelloBonate, Monza, Pergolettese, Pontisola, Pro Sesto, Olginatese, Seregno, Sondrio, Varesina e Virtus Bergamo.


Siamo stati inseriti nel girone B, quello lombardo. Un ritorno. Alla stagione 2011-12 risale l'ultima  apparizione dell'Us Fiorenzuola nel raggruppamento B. Annata che segnò la retrocessione nel campionato di Eccellenza dei Rosso-neri allenati da Settimio Lucci. Presenza anche negli anni 80' e più precisamente nella stagione 1986-87 con mister Aldo Jacopetti da Lodi alla guida con il successivo passaggio di consegne a Marco Torresani. Nel girone erano presenti anche Lecco, Pro Sesto e Seregno che ritroviamo oggi in un girone d'avvero di Ferro, con il derby contro Piacenza di mister Franzini e Luca Franchi, le sfida di prestigio al Brianteo contro il Monza e con il Pergocrema (tornata all'antica demominazione: Pergolettese, quelle delle nostre sfide ai tempi della Promozone) e altre piccole ambiziose realtà che hanno fatto davvero bene nel mercato estivo (Seregno su tutte). Un girone che al sapore di serie C con tante nostre ex avversarie dei tempi del professionismo. Le distanze delle trasferte in generale si accorciano non di poco. Resta il fatto di non poter giocare la sfida di grande prestigio al Tardini contro il Parma (giallo-blu inseriti nel girone D). 


Debutto casalingo il 6 SETTEMBRE contro la GRUMELLESE. Poi doppio turno esterno contro Pontisola e MapelloBonate. Derby con Piacenza fissato il 1° Novembre (al Garilli). Ultima di campionato in casa contro Sondrio dell'ex rosso-nero Luca Colombo.


Giovedi 04 Settembre antipasto di campionato con l'amichevole contro il Piacenza, allo stadio Garilli.